Il nuovo SNIT

SNIT

Il Sistema Nazionale Integrato dei Trasporti (SNIT) è un sistema integrato di infrastrutture che costituiscono la struttura portante del sistema italiano di offerta di mobilità delle persone e delle merci. Lo SNIT è stato sottoposto ad aggiornamento al 2017 mediante criteri specifici per modalità di trasporto, con una suddivisione tra SNIT di primo livello e SNIT di secondo livello.

Ferrovie: fanno parte dello SNIT di primo livello la rete rientrante nello SNIT 2001 (solo direttrici di lunga percorrenza attualmente in esercizio per passeggeri e/o merci), la rete europea TEN-T (Core e Comprehensive) e ulteriori assi di accessibilità di ultimo miglio a porti e aeroporti.

Strade e autostrade: anno parte dello SNIT di primo livello la rete nazionale di base, corrispondente alla rete autostradale SNIT 2001 (solo assi attualmente in esercizio), la rete europea TEN-T (Core e Comprehensive) e ulteriori assi di accessibilità a porti, aeroporti, poli turistici e distretti industriali.

Il rilievo strategico attribuito alla rete ferroviaria include una rinnovata attenzione per lo sviluppo dei servizi regionali e metropolitani, essenziali per la “cura del ferro” in tutte le principali aree urbane del paese, le 14 città metropolitane individuate dalla legge 56/2014.

Porti: le 15 Autorità di Sistema Portuale, che includono i 57 porti di rilevanza nazionale individuati dal DM 169/2016, sono incluse nello SNIT di primo livello.

Aeroporti: sono nello SNIT di primo livello i 16 aeroporti strategici, già nodi della rete europea TEN-T Core; le restanti 22 infrastrutture di rilevanza nazionale identificate nel Piano Nazionale Aeroporti fanno parte dello SNIT di secondo livello.

Ciclovie: lo SNIT 2001 non le comprendeva. Nell’aggiornamento al 2017 è prevista una rete nazionale delle ciclovie costituita degli itinerari ciclabili della rete europea TEN-T, chiamata “EuroVelo”, nonché da altri itinerari di interesse nazionale.

Data di ultima modifica: 16/02/2018
Data di pubblicazione: 06/06/2017