La Brexit e i Trasporti - Trasporti marittimi

Trasporti marittimi

Nel settore dei trasporti marittimi, fatto salvo il periodo di transizione (fino al 31.12.2020), ci sono tre aspetti principali da considerare perché cesserà la validità dei seguenti documenti:

  1. certificati dei marittimi: si rinvia all’avviso dell’11 ottobre 2019 della Commissione Europea in merito sui requisiti minimi di formazione per la gente di mare e sul reciproco riconoscimento dei certificati rilasciati alla gente di mare, che illustra le informazioni di dettaglio (All. 1 - seafarer_qualifications_it_0);
  2. "sponsorship" britannica degli Organismi Riconosciuti (OR) dalla Commissione Europea, che possono essere autorizzati ad agire per conto degli Stati membri nell'effettuare ispezioni, inchieste e certificazioni;
  3. i certificati degli equipaggiamenti marittimi già immessi sul mercato ed emessi da un Organismo notificato dal Regno Unito prima del suo recesso dall’Unione Europea rimarranno in vigore fino a naturale scadenza, a meno che le condizioni di validità del certificato non siano variate ovvero non siano intervenute modifiche ai requisiti e/o alle norme di prova sulla base dei quali tali certificati erano stati rilasciati. Dopo il recesso del Regno Unito dall’Unione Europea e la scadenza del periodo transitorio, tali Organismi notificati saranno rimossi dal database UE "NANDO" (New Approach Notified and Designated Organisations). Per completezza informativa si rinvia alla nota della Commissione europea in data 12/03/2018 che si allega (All. 2 - Marine equipment & draft EU – UK Withdrawal Agreement).
Data di ultima modifica: 20/02/2020
Data di pubblicazione: 16/10/2019