stampa
chiudi
Sottosegretario D’Angelis:“Sosterremo il boom delle due ruote come mezzo trasporto casa-scuola-lavoro nelle nostre città”
Sottosegretario D’Angelis:“Sosterremo il boom delle due ruote come mezzo trasporto casa-scuola-lavoro nelle nostre città”

Con la crisi gli italiani vanno bicicletta! Per la prima volta dopo 48 anni l'acquisto delle bici supera quello delle auto

“Nelle nostre città è in atto una rivoluzione silenziosa sulle due ruote. C'è un vero e proprio boom dell'uso della bicicletta come mezzo di trasporto cittadino quotidiano, dovuto anche alla crisi, e per la prima volta in 48 anni la bici ha superato l’automobile come vendite: nel 2011 i veicoli immatricolati in Italia sono infatti 1.748.000 circa e le biciclette 1.750,000, nel 2012 veicoli 1.400.000 e biciclette 1.650.000. Una frenata al trend di crescita che ci ha portato al record di 62 veicoli ogni 100 abitanti, neonati compresi, nelle maggiori 50 città italiane, un terzo in più della media europea”. E’ quanto ha spiegato il Sottosegretario alle Infrastrutture e Trasporti Erasmo D’Angelis nel corso della 13esima conferenza nazionale sul Mobility Management e la mobilità sostenibile, promossa da Euromobility e in corso a Bologna. “Molti Comuni – continua D’Angelis - nonostante i tagli stanno incoraggiando la nuova mobilità urbana ecologica. Ma sono allo studio del Ministero Infrastrutture e Trasporti misure anche innovative per incentivare l'uso della bicicletta e collegare sempre più le piste ciclabili sicure agli itinerari casa-lavoro-scuola, garantendo sicurezza stradale. E’ la strada giusta anche per aumentare la qualità dell'aria, la qualità della vita degli italiani, l'attrattività e la competitività delle nostre città uniche al mondo. Bisogna superare anche le storica debolezza della normativa di riferimento nazionale per la progettazione di piste ciclabili risalente al 1999 che presenta diverse lacune di tipo tecnico. E stabilire finalmente norme moderne di finanziamento di interventi per la mobilità ciclistica e quindi per la realizzazione di piste ciclabili recuperando risorse statali adeguate”.
Per il Sottosegretario D’Angelis “è giusta anche l’idea di Euromobility e Legambiente di trasformare gli studenti in mobility manager per ridurre gli spostamenti motorizzati. Nonostante la vicinanza dell'86%  delle famiglie italiane agli istituti scolastici, a meno di un quarto d’ora a piedi da asilo, elementari, medie e superiori, almeno 10 milioni di persone ogni giorno effettuano il tragitto in automobile, dando un contributo importante alla congestione, alle emissioni di inquinanti e stimolando nei ragazzi un'abitudine allo spostamento motorizzato”.

Roma, 24 maggio 2013