Programma per la riduzione del disagio abitativo nei comuni metropolitani

Per trovare soluzioni efficaci per la riduzione del disagio abitativo è stato necessario orientare gli enti locali alla realizzazione di interventi o progetti speciali caratterizzati da rapidità attuativa e da una forte fattibilità tecnica e amministrativa privilegiando, prioritariamente, interventi di recupero del patrimonio edilizio già esistente e non occupato.

In questa direzione è stato già orientato, ad esempio, il riparto effettuato recentemente dal  Ministero tra i 14 comuni metropolitani della disponibilità di oltre 99 milioni di euro da destinare alla realizzazione di interventi speciali finalizzati alla realizzazione di alloggi sperimentali e a progetti speciali per aumentare la disponibilità di alloggi di edilizia sociale da destinare prioritariamente ai soggetti sottoposti a sfratto esecutivo.

Gli interventi saranno finanziati per il 50% con il contributo statale e per il restante 50% con risorse poste a carico del singolo comune e della regione o di operatori pubblici o privati aderenti alle singole iniziative. In tal modo le risorse disponibili verranno raddoppiate.

Approfondisci sul portale storico MIT (contenuto in fase di migrazione)

Data di ultima modifica: 05/02/2016
Data di pubblicazione: 05/02/2016