Piano straordinario mobilità turistica 2017-2022

Il Piano disegna un modello di accessibilità basato sulle “porte di accesso al Paese” – porti, aeroporti e stazioni ferroviarie - particolarmente rilevanti per il turismo in termini di arrivi internazionali e restituisce, per la prima volta, una mappa unitaria che sovrappone le reti di mobilità e l'offerta di turismo. Al pari dell'infrastruttura fisica, anche l'infrastruttura digitale è considerata in modo sistematico come elemento determinante per garantire la qualità dell'offerta di mobilità turistica.

QUATTRO OBIETTIVI:

  • Accrescere l'accessibilità ai siti turistici per rilanciare la competitività  del turismo;
  • Valorizzare  le infrastrutture di trasporto come elemento di offerta turistica;
  • Digitalizzare l'industria del turismo a partire dalla mobilità ;
  • Promuovere modelli di mobilità turistica ambientalmente sostenibili e sicuri.

PERCHÉ UN PIANO DELLA MOBILITÀ TURISTICA

Perché il turismo fa bene al paese: genera economia, competenze, idee, lavoro e innovazione. Nel 2016 il turismo ha contribuito per l’11,1% sul PIL nazionale con oltre 168 miliardi di euro.  In Italia nel 2016 il numero di viaggiatori è stato di oltre 66 milioni, con un aumento di oltre 8 milioni di viaggiatori in più rispetto al 2015. Non accadeva dal 2010. I turisti hanno generato una spesa di oltre 45 miliardi di euro sul territorio nazionale.

Vedi il Decreto pubblicato

Data di ultima modifica: 23/01/2018
Data di pubblicazione: 12/01/2018