stampa
chiudi
Decreto Ministeriale del 17/12/2007
emessa da: Ministero delle infrastrutture e dei trasporti
Titolo/Oggetto
Programmi di esame per il conseguimento delle abilitazioni per il settore di coperta e di macchina per gli iscritti alla gente di mare
testo
Direzione Generale per la Navigazione e il Trasporto Marittimo e Interno
Il Direttore Generale
Emana i seguenti programmi di esame per il conseguimento delle abi-litazioni marittime per gli iscritti alla gente di mare.
VISTA la legge 21 novembre 1985, n. 739, concernente l'adesione alla Convenzione sull'Addestramento, la Certificazione e la Tenuta della Guardia adottata a Londra il 7 luglio 1978 Standard of Traning, Certification and Watchkeeping for Seafarers (STCW 78 nella versione aggiornata di seguito denominata Convenzione STCW), nonché il comunicato del Ministero degli affari esteri, re-lativo al deposito presso il Segretariato Generale dell'Organizzazione Internazionale Marittima (IMO) in data 26 a-gosto 1987, dello strumento di adesione dell'Italia alla Conven-zione suddetta, entrata, pertanto in vigore, per l'Italia il 26 no-vembre 1987, conformemente all'articolo XIV;
VISTA la Risoluzione 1 della Conferenza dei Paesi aderenti all'IMO tenu-tasi a Londra il 7 luglio 1995, con la quale sono stati adottati gli emendamenti all'Annesso della sopraccitata Convenzione del 1978;

VISTA la Risoluzione 2 della sopra citata conferenza internazionale con la quale è stato adottato il Codice STCW sull'Addestramento, la Certificazione e la Tenuta della guardia (CODE STCW 95 nella versione aggiornata di seguito denominato Codice STCW);

VISTE le Sezioni A-II/1, A- II/2, A-II/3 e A-II/4 del codice STCW con le quali vengono stabilite le conoscenze minime necessario per il conseguimento delle abilitazioni di Ufficiale di navigazione; Uffi-ciale di navigazione su navi che compiono viaggi costieri; Primo Ufficiale di coperta su navi di stazza pari o superiori a 3000 GT; Primo Ufficiale di coperta su navi di stazza compresa tra 500 e 3000 GT e di Comune di guardia in coperta;

VISTE le Sezioni A-III/1, A- III/2, A-III/3 e A-III/4 del codice STCW con le quali vengono stabilite le conoscenze minime necessario per il conseguimento delle abilitazioni di Ufficiale di macchina; Primo Ufficiale di macchina su navi con apparato motore principale pa-ri o superiore a 3000 Kw; Primo Ufficiale di macchina su navi con apparato motore principale tra 750 e 3000 Kw e di Comune di guardia in macchina.
VISTO il D.P.R. , che ha modificato il D.P.R. 9 maggio 2001, relativo al Regolamento di attuazione del testo consolidato della Direttiva 2001/25/CE relativa ai requisiti mi-nimi di formazione per la gente di mare;

VISTO il Decreto Ministeriale concernente le qualifiche e abilitazioni per il settore di coperta e di macchina per gli iscritti alla gente di mare;

VISTO il Decreto Ministeriale 1° agosto 1986 concernente modificazioni ai programmi di esame per il conseguimento dei titoli professio-nali marittimi di Capitano di lungo corso, Aspirante Capitano di lungo corso, Capitano di macchina e di Aspirante Capitano di macchina;

VISTI il Decreto Ministeriale 6 aprile 1987 e successive modificazioni recante l'istituzione del corso di sopravvivenza e salvataggio; il Decreto Ministeriale 4 aprile 1987 e successive modificazioni re-cante l'istituzione del corso antincendio di base ed avanzato, il Decreto Ministeriale 16 febbraio 1995 e successive modificazioni recante l'istituzione del corso all'uso del radar osservatore norma-le, il Decreto Ministeriale 16 febbraio 1995 e successive modifica-zioni recante l'istituzione del corso all'uso dei sistemi radar ad e-laborazione automatica dei dati – A.R.P.A., il Decreto Direttoriale 19 giugno 2001 istitutivo del corso Sicurezza Personale e Re-sponsabilità Sociali (P.S.S.R,) il Decreto Direttoriale 7 agosto 2001 istitutivo del corso di addestramento Radar ARPA – Bridge Team Work – ricerca e salvataggio, il Decreto Direttoriale 14 di-cembre 2001 e successive modificazioni concernente il rilascio dell'attestato di Primo soccorso sanitario elementare (Elementary first aid) a bordo delle navi mercantili;

VISTO il Decreto Ministeriale 25 agosto 1997 del Ministero della salute con il quale sono stati istituiti i certificati di Primo soccorso sani-tario (First Aid) e quello di Assistenza medica (Medical care);

VISTO il Decreto Ministeriale 10 maggio 2005, n. 121 recante il Regola-mento recante l'istituzione e la disciplina dei titoli professionali per il diporto;

CONSIDERATA la necessità di adeguare alla normativa internazionale i pro-grammi di esame per il conseguimento delle abilitazioni profes-sionali sia per il settore di macchina che di coperta


DECRETA



TITOLO I
DISPOSIZIONI GENERALI

Articolo 1
Programmi di esame
1. Sono approvati i programmi di esame per il conseguimento delle abilitazioni pro-fessionali per il settore di coperta di seguito elencate:
a) Ufficiale di navigazione;
b) Ufficiale di navigazione su navi che compiono viaggi costieri;
c) Primo Ufficiale di coperta su navi di stazza pari o superiori a 3000 GT;
d) Primo Ufficiale di coperta su navi di stazza compresa tra 500 e 3000 GT;
e) Comune di guardia in coperta.

2. Sono approvati i programmi di esame per il conseguimento delle abilitazioni pro-fessionali per il settore di macchina di seguito elencate:
a) Ufficiale di macchina;
b) Primo Ufficiale di macchina su navi con apparato motore principale pari o supe-riore a 3000 Kw;
c) Primo Ufficiale di macchina su navi con apparato motore principale tra 750 e 3000 Kw;
d) Comune di guardia in macchina.

3. é approvato il programma di esame per i marittimi in possesso dell'abilitazione professionale STCW di Comandante su navi di stazza pari o superiore a 3000 GT, Comandante su navi di stazza tra 500 e 3000 GT, Primo Ufficiale di coperta su navi di stazza pari o superiore a 3000 GT, Primo Ufficiale di coperta su navi di stazza tra 500 e 3000 GT e di Ufficiale di navigazione che intendano condurre unità da diporto dotate di propulsione velica.

Articolo 2
Autorità competente e modelli delle abilitazioni
1. Gli esami per il conseguimento delle abilitazioni di coperta e di macchina si svol-gono, presso ciascuna Direzione Marittima presente sul territorio nazionale, in due sessioni, una estiva ed una invernale, secondo le disposizioni riportate negli articoli 285 e seguenti del Regolamento al Codice della Navigazione.
2. Ai candidati che conseguono le abilitazioni marittime inserite nel presente decre-to è rilasciato un certificato adeguato in conformità alle disposizioni impartite dalla Convenzione STCW '78 nella sua versione aggiornata.
3. I certificati adeguati, rilasciati dal Capo del Compartimento Marittimo presso il quale il marittimo è iscritto, sono conformi ai modelli approvati dal Ministero dei Trasporti.
4. I candidati per essere ammessi agli esami per il conseguimento delle abilitazioni marittime di cui all'articolo 1 del presente decreto, dovranno essere in possesso dei requisiti previsti dal D.M. concernente le qualifiche e le abili-tazioni per il settore di coperta e di macchina di per gli iscritti alla gente di mare.

TITOLO II
PROGRAMMI DI ESAME PER LA SEZIONE COPERTA
Svolgimento della prove di esame
Articolo 4
Programma di esame per l'ufficiale di navigazione
Sezione A/II/1 del Codice STCW
1. L'esame per il conseguimento dell'abilitazione professionale di Ufficiale di Naviga-zione, consiste nelle seguenti prove:

Prova pratica (durata minima 45 minuti)
1.Consiste nell'accertamento delle competenze possedute dal candidato sull'utilizzo delle apparecchiature e degli ausili alla condotta della navigazione i cui contenuti sono i seguenti:
a) Uso di carte generali e particolari per pianificare la navigazione costiera;
b) Uso di carte gnomoniche e di mercatore per pianificare la navigazione oceanica;
c) Uso di attrezzi da carteggio e carte nautiche per risolvere problemi di navigazio-ne costiera;
d) Uso di tavole nautiche, portolani, tavole di marea e correnti di marea, effemeridi nautiche, tavole a soluzione diretta, elenco fari e fanali, radio-servizi per la navi-gazione, pubblicazioni meteomarine (pilot chart, routeing chart, ecc. );
e) Uso del sestante per misurare angoli verticali ed orizzontali, verifiche e rettifiche dello strumento;
f) Uso di GPS, uso del calcolatore e di software specifici ed approvati per risolvere i problemi di navigazione con l'uso del PC;
g) Risoluzione di problemi connessi con la movimentazione del carico: stabilità, assetto, sollecitazioni sullo scafo, con l'ausilio di tavole, tabulati e di software specialistico per i vari tipi di navi;
h) Ricezione ed interpretazione di carte e bollettini meteo, capacità di impiegare le informazioni meteomarine per la condotta sicura ed economica della navigazio-ne;
i) Abilità nell'uso e gestione delle carte elettroniche.
2. La commissione potrà avvalersi, ove disponibili, anche di mezzi nautici, d'apparecchiature e/o di simulatori.
3. La Commissione in sede d'esame verifica la preparazione e l'addestramento di formazione professionale acquisito attraverso i corsi d'addestramento STCW .

Inglese tecnico prova scritta e orale (durata minima 60 minuti)
1. Prova scritta: il marittimo dovrà dimostrare di saper tradurre, senza l'ausilio del vocabolario, un testo tecnico-nautico in lingua inglese;
2. Prova orale: IMO- “Standard Marine Communication Phrases”. Adeguata cono-scenza di questo sistema che permetta all'ufficiale di utilizzare carte e pubblicazioni nautiche in lingua inglese, di capire le informazioni meteorologiche ed i messaggi che riguardano la sicurezza e la navigazione della nave e di esprimersi in modo comprensibile nelle comunicazioni con altre navi e/o stazioni costiere, piloti ed au-torità marittime.

Prova teorica (durata minima 60 minuti)
1. Finalizzata all'accertamento delle competenze nautiche possedute dal candidato per una condotta in sicurezza della nave in navigazione ed in porto coerentemente con le responsabilità dell'ufficiale in comando di guardia, verte sul seguente pro-gramma:

Navigazione e suoi Principi Generali.
Navigazione stimata:
a) Navigazione Lossodromica, Ortodromica e mista. Risoluzione dei problemi di navigazione stimata con metodi grafici, analitici con calcolatore e/o tramite PC dedicati;
b) Influenza del vento e della corrente sulla navigazione, risoluzione di problemi di navigazione in presenza di correnti;
1. Metodi e procedure per la determinazione della posizione:
a) Navigazione costiera: Luoghi di posizione e loro determinazione attraverso misure con la strumentazione di bordo. Punto nave in navigazione costiera e sua preci-sione, impiego del Radar nella navigazione costiera. Cartografia elettronica e suo impiego, sistemi ECDIS (Electronic Chart Display Information System);
b) Navigazione astronomica: astronomia generale, problemi sulla determinazione del tempo: locale e di Greenwich, fusi orari, uso delle Effemeridi Nautiche, sestante e sua utilizzazione, verifica e correzione di eventuali errori. Misura delle altezze degli astri e loro correzione, luogo di posizione definito dalla misura dell'altezza di un astro: retta d'altezza, il punto nave con rette d'altezza.
Precisione delle misure, dei luoghi di posizione, del punto nave, determinazione di azimut per il controllo delle bussole. Criteri da adottare nelle misure e proce-dure per rendere massima l'affidabilità del punto in navigazione costiera ed a-stronomica.
c) Navigazione integrata: Conoscenza della navigazione integrata e abilità nel creare il piano viaggio, con particolare riferimento alle relative nozioni informatiche.
d) Radionavigazione: cenni sul principio di funzionamento del radiogoniometro, dei sistemi iperbolici (Loran, Decca). Il sistema satellitare GPS: struttura, principio di funzionamento e relativo luogo di posizione definito, determinazione del Pun-to Nave, principali cause di errore, fattore di precisione geometrica (HDOP) e suo significato.
3. sensori di navigazione:
a) Bussole magnetiche, cenni sul campo magnetico terrestre e interazioni con la nave, compensazione delle bussole magnetiche, tabelle di deviazione e loro uti-lizzo; bussole giroscopiche convenzionali e laser, principio di funzionamento, de-viazione e relativa correzione, controllo delle deviazioni delle bussole con osser-vazione di astri o con rilevamenti costieri. Posizionamento delle bussole a bordo delle navi.
b) Sistemi automatici di inseguimento della traiettoria: giropilota e/o pilota auto-matico, autopilota, regolazioni del sistema. Apparato di governo e sua descrizio-ne, principali e più frequenti avarie, procedure per passare da governo manuale a governo automatico e viceversa.
c) Solcometri: meccanico, a tubo di Pitot, elettromagnetico, ad effetto Doppler.
d) Il radar: principio di funzionamento, caratteristiche e limiti di impiego, utilizza-zione del radar in navigazione e come sistema anticollisione, sistemi ARPA (Si-stema Radar ad Elaborazione Automatica dei Dati) e loro principali caratteristi-che. Settori ciechi, come da diagramma approvato ed esposto presso gli apparati in plancia, ed echi scuri.
e) Ecoscandagli: principio di funzionamento, loro impiego nell'atterraggio e nei passaggi su bassifondi.
f) Procedure gestione plancia così come riportato nelle raccomandazioni del ICS “Bridge Procedure Guide” (International Chamber of Shipping)

Meteorologia
1) Parametri meteorologici:
a) Temperatura, pressione, umidità e relativi strumenti di misura;
b) variazione dei parametri meteo e relativi effetti: vento, scala della forza del vento, nebbia, precipitazioni.
2) Carte del tempo:
a) Ricezione ed interpretazione di carte e bollettini meteo;
b) Carta del tempo: individuazione dei principali sistemi barici, anticicloni, cicloni, promontori, campi livellati e relative condizioni meteorologiche ad essi associa-te;
c) Cicloni extratropicali e tropicali: loro caratteristiche e differenze;
d) condotta della navigazione in vicinanza di un ciclone tropicale: semicerchio pe-ricoloso e maneggevole.
3) Circolazione generale dell'atmosfera:
a) venti permanenti, periodici stagionali, periodici diurni, venti caratteristici delle diverse zone geografiche.

Oceanografia
1) Dinamica delle masse d'acqua:
a) correnti: cause, effetti sulla navigazione, correnti di marea e loro previsione con uso di tavole e software su personal computer; circolazione generale degli oceani e dei mari interni;
b) maree: teoria della marea, previsione di marea con uso di tavole e software su personal computer;
c) onde: cause delle onde, effetti sulla navigazione, scala dello stato del mare;
d) Carte e pubblicazioni climatologiche: Pilot Chart, Routeing Chart, Ocean Pas-sage for the World.
2) Navigazione meteorologica:
a) Pianificazione della navigazione con l'ausilio di pubblicazioni climatologiche in traversate oceaniche e nei mari interni;
b) Condotta della navigazione in condizioni meteomarine avverse: cattiva visibilità, onde, vento, correnti, basse temperature e presenza di ghiacci.





Manovre e governo della nave
1) Elementi che determinano la manovrabilità della nave:
a) Effetti evolutivi del timone e dell'elica, eliche a pale orientabili, particolari tipi di timoni, e conoscenza dei nuovi sistemi con Piede/di poppiero di propulsione tipo azimutale (POD), eliche di manovra, sistemi di posizionamento dinamico.
2) Indici di manovrabilità della nave, velocità angolare e relativo raggio evoluzione alle varie velocità;
a) prova di evoluzione: curve di evoluzione e parametri che da esse si ricavano alle varie velocità.
3) Manovre d'emergenza:
a) manovre di arresto forzato (crash test) ed altre modalità: libero e serpeggiamento (zig-zag test);
b) Manovra per recuperare un uomo caduto in mare (Williamson);
c) Libretto di manovra.
4) Manovrabilità in acque limitate ed illimitate:
a) navigazione nei canali
b) Navigazione in acque illimitate: effetto banco e fondale; interazione fra navi,
c) Navigazione su bassifondali: effetto " Squat ";
d) manovre in porto: velocità minima di manovra, interazione su altre navi ormeg-giate;
e) manovre ormeggio: di fianco, in andana, ancoraggio in varie condizioni (fiumare, aree specifiche, in rade protette e non ecc.).

Costruzione della nave
1) Caratteristiche strutturali:
a) Sistemi di costruzione delle navi
b) Principali elementi strutturali;
c) Compartimentazione della nave e di galleggiabilità ed antincendio;
d) Armamento marinaresco;
e) Equipaggiamento per la movimentazione del carico.
2) Indici d'utilizzazione e ottimizzazione degli spazi carico:
a) Stazza e relativi certificati;
b) Dislocamento, portata e loro determinazione.
3) Controllo dell'efficienza strutturale:
a) Sollecitazioni sullo scafo: sforzi di taglio, momenti flettenti, torsione;
b) Pianificazione delle ispezioni alle parti strutturali e agli spazi di carico, con par-ticolare riferimento alle navi portarinfuse, programmate secondo le modalità dei registri ispezione.
c) conoscenza delle procedure di esecuzione delle ispezioni e capacità di evidenzia-re danni alle strutture.
d) Abilità nel leggere ed interpretare piani e monografie di una nave.

Stabilità ed assetti della nave
1) Stabilità trasversale e longitudinale:
a) Equilibrio dei corpi galleggianti;
b) Momento di stabilità trasversale;
c) Diagramma di stabilità;
d) Prova di stabilità;
e) Situazioni d'ingavonamento e relative contromisure;
f) Spostamento pesi;
g) Determinazione degli elementi della stabilità e degli assetti della nave a fine caricazione;
h) Utilizzazione di tabelle, tabulati e diagrammi per definire gli elementi della stabilità e dell'assetto;
i) Risoluzione dei problemi di stabilità ed assetti della nave: abilità nell'eseguire tali verifiche sia manualmente che tramite sistemi informatici.
2) Effetti sulla stabilità in relazione a carichi e situazioni particolari:
a) Carichi liquidi, scorrevoli, pendolari;
b) Incaglio: determinazione della reazione d'incaglio e della relativa ascissa;
c) Provvedimenti per disincagliare con i propri mezzi;
d) falla : calcolo di falla, effetti sulla galleggiabilità, sulla stabilità e sull'assetto;
e) Stabilità della nave in condizioni meteo-marine avverse.
f) Sforzi di taglio, flessione e torsione di una nave e sistemi per ridurli. Cono-scenza del metodo di calcolo per la verifica di tali parametri anche tramite uso di personal computer dedicato.

Maneggio e stivaggio del carico
1) Maneggio del carico:
a) procedure di trasferimento del carico da terra a bordo e viceversa per la sicu-rezza del personale di bordo e di terra, dell'ambiente, della nave, in relazione alla tipologia di carico: alla rinfusa (liquido e solido), in unità di carico (Ro-Ro, portacontenitori);
2) Stivaggio del carico:
a) piano di carico per diverse tipologie di navi, con l'ausilio dei sistemi informa-tici;
b) Conoscenza delle procedure in base alle quali le ispezioni dovranno essere eseguite;

c) Sistemazione del carico negli appositi spazi per assicurare la sua preserva-zione e evitare danni alla struttura della nave, secondo la check list richiesta dall'ISM Code, con particolare riguardo a :
c.1 Rizzaggio per navi Ro-Ro e porta contenitori (PC);
c.2 Pericoli di esplosività per liquidi infiammabili;
c.3 Shock termico per le navi gasiere;
c.4 Inquinamento del carico ( Chimichiere, Petroliere e gasiere);
c.5 Corrosione delle cisterne del carico e dei depositi di zavorra;
c.6 Contenimento degli sforzi sulla struttura della nave;
c.7 Norme per la caricazione, lo stivaggio, il trasporto e lo scarico di merce
pericolosa in colli.

Responsabilità dell'Ufficiale in comando di guardia.
1. Completa conoscenza del Regolamento Internazionale per evitare gli abbordi in mare - COLREG 72, con particolare padronanza delle regole per prevenire la collisione;
2. Conoscenza dei principi fondamentali da osservare nella tenuta della guardia di navigazione in plancia e conoscenza operativa per ufficiali responsabili di una guardia in navigazione.
3. Conoscenza dell'uso delle rotte secondo le disposizione generali sulle rotte delle navi (General Provision on Ship's Routering - GPSR -) e segnalazione della posizione nave (ship's reporting system);
4. Verifica delle conoscenze acquisite nei corsi specifici Radar navigazione, Ra-dar Arpa e suoi vantaggi;
5. Conoscenza sull'impiego dei sistemi di radiocomunicazione per messaggistica di soccorso, urgenza, sicurezza e commerciale. Procedura di chiamata delle stazioni di terra, autorità marittime e piloti. Bollettini meteorologici. Avvisi ai naviganti. Verifica della conoscenza acquisita nel corso Global Maritime Di-stress Safety Sistem - GMDSS e dei sistemi di comunicazione (INMARSAT, COSPAS SART, SART, NAVTEX);
6. Conoscenza dell'International Code of Signals (Codice Internazionale dei se-gnali - CISS) e descrizione dei vari sistemi di comunicazione (nave- nave e terra-terra);
7. Capacità di trasmettere e ricevere i segnali a lampi di luce con il sistema Morse, conoscenza dei segnali delle singole bandiere del CISS. Capacità di mettersi in comunicazione a lampi di luce Morse con una nave e sue proce-dure;
8. Conoscenza delle procedure di emergenza in caso di: collisione, incaglio, black out, avaria del timone, uomo in mare nonché di tutte le procedure ri-portate nel ruolo d'appello. Valutazione e controllo dei danni, secondo le di-sposizioni del Decision Support System (plan) della Convenzione SOLAS;
9. Conoscenza della Convenzione Internazionale SAR/79 – Amburgo, Search and Rescue: suoi principi e finalità. Ricerca e soccorso dei naufraghi utiliz-zando il sistema del manuale MERSAR ed IMOSAR;
10. Procedure e conoscenze delle responsabilità dell'ufficiale addetto alla sicurez-za in base alle disposizioni impartite dal Codice Internazionale sulla Sicurez-za Marittima - International Safety Management Code – ISM.

Responsabilità a livello operativo per il controllo delle attività della nave e la protezione per le persone a bordo.
1. Competenza sulle normative di settore (Convenzioni, Codici, Leggi comunita-rie e statali) ai fini di una responsabile e corretta gestione delle attività di bordo allo scopo di perseguire la salvaguardia della sicurezza della vita uma-na in mare e la protezione dell'ambiente marino;
2. Ruolo di appello e casi di emergenza a cui deve adempiere e/o far fronte l'ufficiale nell'espletamento dei suoi compiti e del suo lavoro. Organizzazione dell'emergenza a bordo – in base al tipo di unità e risorse umane - esercita-zioni. Preparazione dell'equipaggio. Procedure di evacuazione di persone a bordo in casi di avaria grave e/o emergenza grave;
3. Conoscenza degli aspetti concernente l'innesco e la propagazione del proces-so di combustione compresi gli incendi che interessano i sistemi idraulici a pressione d'olio. Protezione antincendio a bordo. Verifica della conoscenza acquisita nei corsi antincendio di base ed avanzato;
4. Mezzi e sistemi di salvataggio. Dotazione e segnali di soccorso nelle lance di salvataggio, zattere autogonfiabili e conoscenza tecnica di sopravvivenza in mare – controlli e verifiche. Verifica della conoscenza acquisita nel corso so-pravvivenza e salvataggio;
5. CIRM (Centro Internazionale Radio Medico) e sua utilità nel campo maritti-mo. Messaggi MEDRAD in caso di malattia ed infortunio. Ambulatorio di bordo, medicinali di dotazione secondo la tabella “C” e di dotazione CIRM. Capacità di prendere decisioni immediate in caso di malattia o di infortunio a bordo. Conoscenza delle disposizioni del Decreto Interministeriale 24 dicem-bre 1986, pubblicato nella Gazzetta Ufficiale della Repubblica Italiana n. 66 del 20 marzo 1987 che reca modificazioni alle disposizioni concernenti i me-dicinali, gli oggetti di medicatura e gli utensili di cui devono essere provviste le navi. Conoscenza del decreto del ministero della sanità di concerto con il ministero della marina mercantile del 25 maggio 1988, n. 279 pubblicato nella Gazzetta Ufficiale della Repubblica Italiana n. 170 del 21 luglio 1988, concernente modificazioni alle procedenti disposizioni concernenti i medici-nali, gli oggetti di medicatura e gli utensili di cui devono essere provviste le navi. Conoscenza della normativa europea riguardante le prescrizioni minime di sicurezza e di salute per promuovere una migliore assistenza medica a bordo delle navi.

Disposizioni di normativa di settore
1. Elementi di diritto della navigazione marittima;
2. Elementi e principi della Convenzione STCW, con particolare riferimento al Cap. II – IV –V –VI - VII e VIII;
3. Conoscenza dei sistemi di gestione – codice ISM;
4. Conoscenza della normativa di settore prevista dalle Convenzioni internazio-nali, Codici, Leggi comunitarie e nazionali.

Articolo 5
Programma di esame per l'Ufficiale di navigazione su navi che compiono viaggi costieri
Sezione A/II/3 del Codice STCW
1. L' esame per il conseguimento dell'abilitazione professionale di Ufficiale di navi-gazione si navi che compiono viaggi costieri, consiste nelle seguenti prove:

Prova pratica (durata minima 45 minuti)
1. consiste nell'accertamento delle competenze possedute dal candidato sull'utilizzo delle apparecchiature e degli ausili alla condotta della navigazione i cui contenuti sono i seguenti:
a) Uso di carte generali e particolari per pianificare la navigazione mediterranea;
b) Uso di attrezzi da carteggio e carte nautiche per risolvere problemi di navigazio-ne costiera;
c) Uso di tavole nautiche, portolani, tavole di marea e correnti di marea, effemeridi nautiche, tavole a soluzione diretta, elenco fari e fanali, radio-servizi per la navi-gazione , pubblicazioni meteomarine (pilot chart, routeing chart, ecc.);
d) Uso del sestante per misurare angoli verticali ed orizzontali, verifiche e rettifiche dello strumento;
e) Uso di GPS, uso del calcolatore e di software specifici ed approvati per risolvere i problemi di navigazione con l'uso del PC;
f) Risoluzione di problemi connessi con la movimentazione del carico: stabilità, assetto, sollecitazioni sullo scafo, con l'ausilio di tavole, tabulati e di software specialistico per i vari tipi di navi;
g) Ricezione ed interpretazione di carte e bollettini meteo, capacità di impiegare le informazioni meteomarine per la condotta sicura ed economica della navigazio-ne.
2. La commissione potrà avvalersi, ove disponibili, anche di mezzi nautici, di appa-recchiature e/o di simulatori.
3. La commissione in sede di esame verifica la preparazione e l'addestramento di formazione professionale acquisito attraverso i corsi di addestramento STCW .

Lingua inglese prova teorica (durata minima 30 minuti)
1. Consiste nell'accertamento della conoscenza del sistema IMO- “Standard Marine Communication Phrases” che permetta all'ufficiale di utilizzare carte e pubblicazioni nautiche in lingua inglese, di capire le informazioni meteorologiche ed i messaggi che riguardano la sicurezza e la navigazione della nave e di esprimersi in modo comprensibile nelle comunicazioni con altre navi e/o stazioni costiere, piloti ed au-torità marittime.

Prova teorica (durata minima 60 minuti)
1. Finalizzata nell'accertamento delle competenze nautiche possedute dal candidato per una condotta in sicurezza della nave in navigazione ed in porto coerentemente con le responsabilità dell'ufficiale in comando di guardia verte sul seguente pro-gramma:

Navigazione e suoi Principi Generali.
Navigazione costiera:
a) Luoghi di posizione e loro determinazione attraverso misure con la strumenta-zione di bordo. Punto nave in navigazione costiera e sua precisione, impiego del Radar nella navigazione costiera. Punti cospicui. Cartografia elettronica e suo impiego, sistemi ECDIS (Electronic Chart Display Information System);
b) Conoscenza della navigazione integrata e abilità nel creare il piano viaggio, con particolare riferimento alle relative nozioni informatiche;
c) Radionavigazione: cenni sul principio di funzionamento del radiogoniometro, dei sistemi iperbolici (Loran, Decca). Il sistema satellitare GPS: struttura, principio di funzionamento e relativo luogo di posizione definito, determinazione del Punto Nave, principali cause di errore, fattore di precisione geometrica (HDOP) e suo significato.
2) Strumenti per la condotta della navigazione:
a) bussole magnetiche, cenni sul campo magnetico terrestre e interazione con la nave, principio della compensazione, tabelle di deviazione e loro utilizzazione; bussole giroscopiche, principio di funzionamento, deviazione e relativa correzio-ne, controllo delle deviazioni delle bussole con osservazione di astri o con rile-vamenti costieri;
b) Sistemi automatici di inseguimento della traiettoria: giropilota, autopilota, pilota di rotta, regolazioni del sistema. Apparato di governo e sua descrizione, principa-li e più frequenti avarie, procedure per passare da governo manuale a governo automatico e viceversa;
c) Solcometri : a elichetta, a tubo di Pitot, elettromagnetico, a effetto Doppler.
d) Il radar : principio di funzionamento, caratteristiche e limiti di impiego, utilizza-zione del radar in navigazione e come sistema anticollisione, sistemi ARPA e loro principali caratteristiche. Settori ciechi ed echi scuri;
e) Ecoscandagli: principio di funzionamento, loro impiego nell'atterraggio e nei passaggi su bassofondali.

Meteorologia
1) Parametri meteorologici
a) temperatura, pressione, umidità e relativi strumenti di misura;
b) variazione dei parametri meteo e relativi effetti: vento, scala della forza del vento, nebbia, precipitazioni;
2) Carte del tempo:
a) ricezione ed interpretazione di carte e bollettini meteo;
b) Circolazione generale dell'atmosfera;
c) venti permanenti, periodici stagionali, periodici diurni.
d) maree: teoria della marea, previsione di marea con uso di tavole e software su PC;
e) condotta della navigazione in condizioni meteomarine avverse: cattiva visibilità, onde, vento, correnti.

Manovre e governo della nave
1) Elementi che determinano la manovrabilità della nave:
a) effetti evolutivi del timone e dell'elica, eliche a passo variabile, particolari tipi di timoni, e conoscenza dei nuovi sistemi con Piede/di poppiero di propulsione tipo azimutale (POD);
2) Indici di manovrabilità della nave, velocità angolari e relativo raggio evoluzione alle varie velocità;
3) prova di evoluzione: curve di evoluzione e parametri che da esse si ricavano;
4) Manovre di emergenza;
a) manovre di arresto forzato (crash test) ed altre modalità : libero e serpeggiamen-to (zig-zag test);
b) manovra per recuperare un uomo caduto in mare (Williamson);
c) libretto di manovra;
d) Manovrabilità in acque limitate ed illimitate;
5) Navigazione in acque limitate e illimitate:
a) navigazione nei canali: effetto delle sponde, interazioni fra navi;
b) navigazione in acque illimitate: effetto banco e fondale; interazione fra navi,
c) navigazione su basso fondali: effetto "Squat";
d) manovre in porto: velocità minima di manovra, interazione su altre navi ormeg-giate;
e) manovre ormeggio: di fianco, in andana, ancoraggio in varie condizioni (fiumare, aree specifiche, in rade protette e non ecc.).

Costruzione della nave
1) Caratteristiche strutturali;
a) sistemi di costruzione delle navi;
b) principali elementi strutturali;
c) compartimentazione della nave e di galleggiabilità e antincendio;
d) armamento marinaresco;
2) Indici di utilizzazione e individuazione della capacità di carico e ottimizzazione degli spazi di carico;
a) Stazza e relativi certificati;
b) Dislocamento, portata e loro determinazione;
3) Controllo dell'efficienza strutturale;
a) sollecitazioni allo scafo: sforzi di taglio, momenti flettenti, torsione;
b) pianificazione delle ispezioni alle parti strutturali e alle spazi di carico, con par-ticolare riferimento alle navi portarinfuse, programmate secondo le modalità dei registri ispezione;
c) conoscenza delle procedure di esecuzione delle ispezioni e capacità di evidenzia-re danni alle strutture;
d) abilità nel leggere ed interpretare piani e monografie di una nave.

Stabilità ed assetti nave
1. Stabilità trasversale e longitudinale - equilibrio dei corpi galleggianti; momento di stabilità trasversale; diagramma di stabilità; prova di stabilità; situazioni di ingavonamento e relative contromisure; spostamento pesi; stabilità longitudina-le;
2. Determinazione degli elementi della stabilità e dell'assetto della nave a fine cari-cazione;
3. Utilizzazione di tabelle, tabulati e diagrammi per definire gli elementi della stabi-lità e dell'assetto;
4. Risoluzione dei problemi sulla stabilità e l'assetto della nave: dimostrando abilità nell'eseguire tali verifiche sia manualmente che tramite software;
5. Effetti sulla stabilità in relazione a carichi e situazioni particolari;
6. carichi liquidi, scorrevoli, pendolari;
7. Incaglio: determinazione della reazione d'incaglio e della relativa ascissa;
8. Provvedimenti per disincagliare con i propri mezzi;
9. Calcolo di falla e suoi effetti sulla galleggiabilità, stabilità e sull'assetto;
10. Stabilità della nave in condizioni meteo-marine avverse;
11. Sforzi di taglio, flessione e torsione di una nave e sistemi per ridurli. Conoscenza del metodo di calcolo per la verifica di tali parametri anche tramite uso di PC dedicato.

Responsabilità dell'ufficiale in comando di guardia
1. Completa conoscenza del Regolamento Internazionale per evitare gli abbordi in mare - COLREG 72, con particolare padronanza delle regole per prevenire la col-lisione;
2. Conoscenza dei principi fondamentali da osservare nella tenuta della guardia di navigazione in plancia e conoscenza operativa per ufficiali responsabili di una guardia in navigazione;
3. Conoscenza dell'uso delle rotte secondo le disposizione generali sulle rotte delle navi (General Provision on Ship's Routering - GPSR -) e segnalazione della posi-zione nave (Ship's Reporting System);
4. Verifica delle conoscenze acquisite nei corsi specifici Radar navigazione;
5. Conoscenza sull'impiego dei sistemi di radiocomunicazione per messaggistica di soccorso, urgenza, sicurezza e commerciale. Procedura di chiamata delle sta-zioni di terra, autorità marittime e piloti. Bollettini meteorologici. Avvisi ai navi-ganti. Verifica della conoscenza acquisita nel corso Global Maritime Distress Sa-fety Sistem - GMDSS e dei sistemi di comunicazione (INMARSAT, COSPAS SART, SART, NAVTEX);
6. Capacità di trasmettere e ricevere i segnali a lampi di luce con il sistema Morse, conoscenza dei segnali delle singole bandiere del CISS. Capacità di mettersi in comunicazione a lampi di luce Morse con una nave e sue procedure;
7. Conoscenza delle procedure di emergenza in caso di: collisione, incaglio, black out, avaria del timone, uomo in mare nonché di tutte le procedure riportate nel ruolo d'appello. Valutazione e controllo dei danni, secondo le disposizioni del Decision Support System (plan) della Convenzione SOLAS;
8. Conoscenza della Convenzione Internazionale SAR/79 – Amburgo, Search and Rescue: suoi principi e finalità. Ricerca e soccorso dei naufraghi utilizzando il si-stema del manuale MERSAR ed IMOSAR.

Responsabilità a livello operativo per il controllo delle attività della nave e la protezione per le persone a bordo.
1. Competenza sulle normative di settore (Convenzioni, Codici, Leggi comunitarie e statali) ai fini di una responsabile e corretta gestione delle attività di bordo allo scopo di perseguire la salvaguardia della sicurezza della vita umana in mare e la protezione dell'ambiente marino;
2. Ruolo di appello e casi di emergenza a cui deve adempiere e/o far fronte l'ufficiale nell'espletamento dei suoi compiti e del suo lavoro. Organizzazione dell'emergenza a bordo – in base al tipo di unità e risorse umane - esercitazioni. Preparazione dell'equipaggio. Procedure di evacuazione di persone a bordo in ca-si di avaria grave e/o emergenza grave;
3. Conoscenza degli aspetti relativi all'innesco e alla propagazione del processo di combustione compresi gli incendi che interessano i sistemi idraulici a pressione d'olio. Protezione antincendio a bordo. Verifica della conoscenza acquisita nei corsi antincendio di base ed avanzato;
4. Mezzi e sistemi di salvataggio. Dotazione e segnali di soccorso nelle lance di sal-vataggio, zattere autogonfiabili e conoscenza tecnica di sopravvivenza in mare – controlli e verifiche. Verifica della conoscenza acquisita nel corso sopravvivenza e salvataggio;
5. CIRM e sua utilità nel campo marittimo. Messaggi MEDRAD in caso di malattia ed infortunio. Ambulatorio di bordo, medicinali di dotazione secondo la tabella “C” e di dotazione CIRM. Capacità di prendere decisioni immediate in caso di malattia o di infortunio a bordo. Conoscenza delle disposizioni del decreto del ministero della sanità 24 dicembre 1986 che reca aggiornamenti e modifiche alle disposizioni concernenti i medicinali, gli oggetti di medicazione e gli utensili di cui devono essere provviste le navi. Conoscenza del decreto del ministero della sanità di concerto con il ministero della marina mercantile del 25 maggio 1988, n. 279, concernente modificazioni alle procedenti disposizioni concernenti i me-dicinali, gli oggetti di medicatura e gli utensili di cui devono essere provviste le navi. Conoscenza della normativa europea riguardante le prescrizioni minime di sicurezza e di salute per promuovere una migliore assistenza medica a bordo delle navi.

Disposizioni di normativa di settore
1. Elementi di diritto della navigazione marittima;
2. Elementi e principi della Convenzione STCW '78, nella sua versione aggiornata e successive modificazioni, con particolare riferimento ai Cap. II – IV –V –VI - VII e VIII;
3. Conoscenza dei sistemi di gestione – Codice ISM.

Articolo 6
Programma di esame per
Primo Ufficiale di coperta su navi di stazza pari o superiori a 3000 GT
Primo Ufficiale di coperta su navi di stazza compresa tra 500 e 3000 GT
Sezione A/II/2 del Codice STCW
1. L'esame per il conseguimento delle abilitazioni professionali di Primo Ufficiale di coperta su navi di stazza pari o superiore a 3000 GT e di Primo Ufficiale di coperta su navi di stazza compresa tra 500 e 3000 GT in due prove, una prova teorica ed una pratica attraverso la quale la commissione dovrà accertare che il candidato sappia affrontare e risolvere i vari problemi inerenti alla condotta della navigazione, abbia conoscenza delle caratteristiche operative, dell'affidabilità della nave e della normativa internazionale in tema di sicurezza della navigazione; e una seconda pro-va scritta e orale sulla conoscenza dell' inglese tecnico.
2. La commissione dovrà altresì accertare che il candidato possieda un livello di competenze nautiche e capacità professionale tali da assicurare lo svolgimento dei compiti propri delle qualifiche direttive di bordo, con particolare riguardo alla sicu-rezza della nave, dei passeggeri, dell'equipaggio e del carico. Al candidato sarà quindi richiesta una competenza sulle apparecchiature di bordo, sul loro utilizzo ot-timale e sui limiti operativi delle stesse, nonché una capacità di giudizio sull'idoneità dell'elemento umano al servizio richiesto.
3. La commissione in sede di esame verifica la preparazione e l'addestramento di formazione professionale acquisito attraverso i corsi di addestramento STCW non-ché la conoscenza degli argomenti riportati nel programma di esame di cui all'articolo 4 del presente decreto.

Inglese tecnico prova scritta e orale (durata minima 60 minuti)
1. Prova scritta: il marittimo dovrà dimostrare di saper tradurre, senza l'ausilio del vocabolario, un testo tecnico-nautico in lingua inglese;
2. Prova orale: IMO – “Standard Marine Comunication Phrases”. Adeguata cono-scenza di questo sistema che permetta al candidato di utilizzare carte e pubblica-zioni nautiche in lingua inglese, di capire le informazioni meteorologiche ed i mes-saggi che riguardano la sicurezza e la navigazione della nave e di esprimersi in mo-do comprensibile nelle comunicazione con altri navi e/o stazioni costiere, piloti ed Autorità Marittime.

Prova teorica (durata minima 60 minuti)
1. Finalizzata all'accertamento delle competenze nautiche possedute dal candidato per una gestione e condotta in sicurezza della nave in navigazione ed in porto coe-rentemente con le responsabilità del comando di una nave, verte sul seguente pro-gramma:

Navigazione a livello direttivo – Pianificazione di un viaggio e sicurezza della navigazione.
1. Competenze sulla strumentazione, carte e pubblicazioni nautiche richieste per il viaggio, numerate ed adatte per dirigere in sicurezza la navigazione e sui softwa-re dedicati, controllo registro delle correzioni delle carte e pubblicazioni nauti-che;
2. Abilità nella creazione di un piano viaggio automatizzato e cartaceo secondo i principi generali del tracciamento delle rotte per le navi (General Principles on the Ship's Routing). Saper valutare e integrare gli aspetti economici e le risorse disponibili – materiali ed umane – in base al tipo di viaggio da intraprendere;
3. Capacità di segnalare la posizione della nave secondo i criteri e le linee guida del Sistema di Segnalazione della Posizione della Nave (Ship's Reporting System);
4. Valutazione di tutti i potenziali pericoli relativi alla navigazione che devono esse-re accuratamente evidenziati: acque ristrette,condizioni meteorologiche, ghiac-cio,visibilità ridotta, schemi di separazione del traffico, aree con rilevanti varia-zioni di marea;
5. Navigazione in zone di ampie maree e correnti di marea (lungo la costa ed al passaggio degli stretti). Calcolo delle maree con tavole e con il sistema delle co-stanti armoniche, se la nave ne è dotata;
6. Determinazione del punto nave in navigazione astronomica, in navigazione co-stiera con i vari sistemi di navigazione moderna terrestre e satellitare. Confronto tra i vari sistemi del punto nave in navigazione costiera ed oceanica e discussio-ne sulla loro precisione con valutazione degli errori. Valutazione degli errori si-stematici e accidentali;
7. Importanza delle pilot-charts;
8. Navigazione oceanica su una nave dotata di tutti gli attuali sensori e sistemi di navigazione per la sicurezza della nave (GPS-DGPS- Sistema Integrato - GLONASS ecc.);
9. Descrizione e gestione delle carte elettroniche. Differenza tecnica ed applicativa tra il sistema vettoriale (VECTOR CHART) e sistema scannerizzato (RASTER CHART) e loro rappresentazione su monitor ECDIS (Elettronic chart display system);
10. Principio della navigazione polare e possibilità di effettuare il punto nave. Prov-vedimenti da prendere durante la navigazione tra i ghiacci e nella situazione di accumulo del ghiaccio in coperta;
11. Strumenti di navigazione: bussole magnetiche, forze deviatrici e forze direttive, compensazione e calcolo delle deviazioni. Sestante: suo utilizzo e capacità di in-terpretare gli errori;
12. Principio del funzionamento della girobussola suoi errori e correzioni. Conoscen-za delle operazioni della manutenzione della girobussola madre e delle ripetitrici;
13. Principio di funzionamento dei solcometri ed in particolare di quello con il Si-stema Doppler;
14. Ecoscandagli con particolare riferimento al principio di funzionamento degli e-cometri ultra-acustici con il sistema della magnetostrizione e della piezoelettrici-tà;
15. Conoscenza dei sistemi di gestione – Codice ISM.

Meteorologia.
1. Capacità nella interpretazione di una carta sinottica e di prevedere le condizioni meteo-marine della zona tenendo in considerazione i dati ricevuti con i bollettini meteo via fax ed altri sistemi moderni di ricezione dei dati meteorologici;
2. Competenza su i vari sistemi meteorologici, incluso il sistema di evoluzione dei cicloni tropicali per la condotta della navigazione in vicinanza di un ciclone tro-picale: evitare l'occhio del ciclone e i semicerchi pericolosi;
3. Conoscenza del sistema delle correnti oceaniche e uso di tutte le idonee pubbli-cazioni di navigazione delle correnti e delle maree.

Manovre e governo della nave.
1. Manovra di avvicinamento alla stazione di pilotaggio ed operazione per l'imbarco/sbarco del pilota in funzione delle condizioni del tempo, della corrente dell'abbrivio e della distanza per azzerare la velocità della nave, procedure di ar-rivo secondo le disposizioni dell'ISM Code;
2. Effetti sulla governabilità della nave in navigazione in acque limitate (nei fiumi, estuari, canali ecc) in condizioni meteo-marine avverse;
3. Procedure di accostata della nave e tecnica dell'uso del timone;
4. Navigazione in acque limitate ed illimitate e loro effetti sulla sicurezza della nave. Area di “dominio” effetto fondale ed effetto banco (squat and bank interaction, bank sunction), navigazione in canali ristretti, passaggi ravvicinati tra navi e nelle zone congestionate dal traffico;
5. Ormeggio e disormeggio in varie situazioni di vento, di corrente, di marea e/con/o senza rimorchiatore. Area dominio e fenomeno di interaction tra rimor-chiatore e nave.
6. Uso della macchina principale e dei sistemi per manovrare;
7. Scelta dell'ancoraggio, ancorando con una o due ancore, aree di ancoraggio limi-tate. Tenuta dell'ancora e casi in cui ara, liberare un'ancora incattivata sul fon-do;
8. Operazioni e verifiche preliminari prima dell'entrata ed uscita nel bacino di ca-renaggio;
9. Gestione e governo di una nave in condizioni meteo marine avverse, anche nel caso di assistenza ad una nave o ad un aeromobile in pericolo, operazioni di ri-morchio, di nave che non governa con mare di traverso. Provvedimenti per limi-tarne lo scarroccio;
10. Precauzioni durante l'ammaino di un mezzo di salvataggio o di sopravvivenza. Metodi per imbarcare i naufraghi da una lancia di salvataggio o da mezzi di so-pravvivenza;
11. Valutazione delle caratteristiche di manovrabilità delle principali tipologie di navi allo scopo di stabilirne: diametro evoluzione e spazi di arresto, in diverse condi-zioni di velocità e di carico;
12. Importanza di navigare a velocità adeguata per evitare danni causati dagli effetti legati all'area di dominio e interaction generati dall'avanzamento della/e nave/i;
13. Provvedimenti pratici da prendere durante la navigazione tra o in vicinanza di ghiacci o nella situazione di accumulo di ghiaccio a bordo;
14. Navigazione nelle zone di separazioni del traffico in zone coperte dal servizio di controllo del traffico (VTS);
15. Conoscenza dei principali sistemi di comando e controllo di apparati e macchi-nari di bordo presenti sul ponte di comando di una nave nonché conoscenza dell'automazione e manovra degli impianti da tastiera;
16. Descrizione dei vari sistemi di ormeggio (sistemi convenzionali e di auto-ormeggio9 lungo la banchina e in andana in base al tipo di nave e di cavi impie-gati. Particolari attenzioni e precauzioni da prendere sugli ormeggi lungo ban-chine site in canali ristretti. Descrizioni di ancoraggio in fiumara.

Costruzione della nave
1. Sistema di costruzione dello scafo;
2. Elementi strutturali e nomenclature varie;
3. Conoscenza della stabilità dell'assetto della nave e delle sollecitazioni allo scafo;
4. Organizzazione ed interpretazione di piani e monografie di una nave.

Stabilità della nave
1. Stabilità statica, dinamica ed assetti;
2. Stabilità longitudinale;
3. Diagrammi di stabilità statica e dinamica;
4. Conoscenza dell'effetto sull'assetto e sulla stabilità di una nave in caso di un'avaria e dal conseguente allagamento di compartimenti e i provvedimenti cor-rettivi da prendere. Saper calcolare manualmente la stabilità statica e dinamica trasversale nonché gli assetti nave;
5. Incaglio. Calcolo della stabilità in falla dopo aver eseguito i rilievi esterni ed in-terni indispensabili per effettuarlo. Consultare il “Damage plan” ed il Decision Support System (plan) prima di effettuare qualsiasi movimento di liquidi, se-condo le disposizioni riportate dalla Convenzione SOLAS. Decisioni da prendere in caso di operazioni di disincaglio con o senza aiuto esterno;
6. Falle simmetriche ed asimmetriche: determinazione della perdita di stabilità; de-cisioni da prendere in questi avvenimenti straordinari;
7. L'uso dei diagrammi dell'assetto e stabilità, incluso il software per il calcolo au-tomatico dei dati (ADB) “Load master” e/o PC dedicato al calcolo automatico di tali parametri e la conoscenza della caricazione e dello zavorramento, in modo da tenere gli sforzi dello scafo entro i limiti accettabili.

Maneggio e stivaggio del carico.
1. Capacità di osservare: regolamenti, codici e standard riguardanti il sicuro ma-neggio del carico, dello stivaggio, del rizzaggio e del trasporto via mare dei carichi in genere; organizzare le operazioni commerciali in conformità di quanto stabilito dal Manuale del Safety Management, dal Manuale di sicurezza e dal Manuale di rizzaggio;
2. Conoscenza delle procedure di caricazione/discarica delle principali tipologie di navi (cisterne nelle sue diversificazioni, carico secco alla rinfusa nelle sue diver-sificazioni, porta-contenitori, general cargo, navi ro/ro);
3. Conoscenza generale delle navi petroliere, gasiere e chimichiere e delle relative operazioni di carico;
4. Trasporto di merci pericolose via mare secondo la normativa nazionale e inter-nazionale con particolare riferimento al Codice International Maritime Dange-rous Goods (IMDG) nonché al codice Code of Safe Practice for Solid Bulk Cargo-es (BC) ed alle relative precauzioni da adottare.

Responsabilità dell'ufficiale in comando di guardia.
1. Competenza sulla gestione ed organizzazione dei turni di guardia e le consegne di massima;
2. Completa conoscenza del Regolamento per evitare gli abbordi in mare COLREG '72, con particolare attenzione sulle regole di manovra per prevenire la collisione;
3. Conoscenza completa del contenuto, applicabilità e finalità dei principi da osser-vare durante il servizio di guardia;
4. Verifica delle conoscenze acquisite nei corsi Radar di navigazione, Radar ARPA, Radar ARPA Bridge Teamwork – Ricerca e Salvataggio per una corretta interpre-tazione ed esatta analisi delle informazioni ottenute;
5. Principi ed uso dei ripetitori Radar attivi e passivi (Racon e Sart). SOLAS '74 ed emendamenti successivi – Cap. V – Sicurezza della navigazione – Principio di funzionamento del Voyage Data Recorder o Black Box (VDR) e del risponditore Automatic Identification Systems- Sistema Automatico di Identificazione della Nave (AIS);
6. Ricerca e soccorso dei naufraghi utilizzando il sistema del manuale MERSAR con successive variazioni IMOSAR;
7. Ammaino del battello di emergenza (rescue boat) e recupero dello stesso con i naufraghi in caso di avverse condizioni meteo;
8. Procedure di intervento previste dal Codice Internazionale ISM.

Pianificazione della caricazione e/o stivaggio ai fini della sicurezza e del ca-rico durante il viaggio e lo sbarco.
1. Accorgimenti da adottare per carichi speciali e/o pesanti da imbarcare su unità navali;
2. Conoscenza delle procedure di sicurezza del carico che va maneggiato secondo le procedure stabilite da strumenti rilevanti come BC CODE, IMDG, CODE MARPOL 73/78, Annessi III e V e altre rilevanti informazioni;
3. Organizzazione delle esercitazioni concernenti le emergenze di bordo;
4. Conoscenza dei limiti di resistenza delle parti fondamentali di costruzione di una nave da carico e abilità nell'interpretare l'aspetto dei momenti di curvature e de-gli sforzi di taglio;
5. Conoscenza degli effetti dannosi che su una nave da carico, si possono presen-tare in caso di: corrosione, usura e trattamento inadeguato del carico.

Controllo sull'attività della nave e protezione per le persone a bordo a livello direttivo. – Convenzioni Internazionali.
1. CIRM – Principi e finalità – conoscenza dell'uso e contenuto delle pubblicazioni “International Medical Guide for Ship's”; “Medical first and Guide for use in ac-cidents involving dangerous goods” ; Sezione medica dell'International Code of Signals e/o equipollenti pubblicazioni italiane;
2. Conoscenza completa dei regolamenti riguardanti i mezzi per la salvaguardia della vita in mare. (Convenzione internazionale per la salvaguardia della vita umana in mare);
3. Organizzazione delle esercitazioni antincendio e di abbandono nave;
4. Manutenzione di tutta la dotazione per la salvaguardia della vita umana in mare e degli altri strumenti per la sicurezza;
5. Provvedimenti da prendere durante le situazioni di emergenza per la sicurezza e la salvaguardia delle persone a bordo;
6. Provvedimenti per limitare l'avaria e salvare la nave in seguito a grave emergenza con pericolo di perdita della nave (incendio, esplosione, collisione, incaglio);
7. Preparazione dei piani di controllo delle avarie per poter fronteggiare l'emergenza (Decision Support plan);
8. Costruzione della nave compreso i piani di sicurezza e anti-falla (damage con-trols);
9. Metodi e mezzi di protezione antincendio: sistemi passivi ed attivi di rilevazione ed estinzione;
10. Conoscenza nella gestione, organizzazione e addestramento a bordo del persona-le;
11. Conoscenza relativa alle Convenzioni marittime internazionali ed alle norme na-zionali.

Disposizioni di normativa di settore.
1. Nozioni generali: lo Stato ed i suoi elementi costitutivi- persona fisica e persona giuridica. La norma giuridica e le sue fonti. Diritti reali e di garanzia.
2. Elementi di procedura civile e penale.
3. L'Amministrazione Marittima, il personale marittimo con particolare riferimento alla gente di mare, disciplina, assistenza e previdenza della gente di mare;
4. Il Comandante della nave: doveri e responsabilità, pilotaggio e rimorchio – servizi e contratti- contratti di utilizzazione della nave – Assistenza e salvataggio – Re-cupero e ritrovamento di relitti;
5. Tenuta e compilazione dei libri, documenti e certificati di bordo;
6. Cenni sulla legislazione speciale, sul diritto marittimo in tempo di guerra e sul cerimoniale;
7. Convenzione Solas 74/78 e successivi emendamenti;
8. Convenzione Marpol 73/78 e successivi emendamenti;
9. Convenzione internazionale per la prevenzione dell'inquinamento e dell'ambiente Convenzione di Bruxelles – OPRC Convention 1990. Leggi comunitarie e leggi nazionali con particolare riferimento alla legge 979/1982 concernente Disposi-zioni per la difesa del mare;
10. Convenzione di Bordo libero (LL66) sulle linee di massimo carico. Principi gene-rali e sua importanza sulla sicurezza della vita umana in mare;
11. Convenzione internazionale sul diritto del mare. Convenzione di Ginevra 58 e Montego Bay 82. Differenza tra embargo e blocco navale;
12. Decreto legislativo 27 luglio 1999, n. 271 relativo all'adeguamento della norma-tiva sulla sicurezza e salute dei lavoratori marittimi a bordo delle navi mercantili e da pesca nazionali;
13. Convenzione internazionale sul diritto marittimo con particolare riferimento alla prevenzione dell'inquinamento, alla sicurezza della navigazione e della vita uma-na in mare e a bordo libero – prevenzione per l'approdo in mare – libera pratica sanitaria;
14. Conoscenza delle normative sulla certificazione del personale marittimo con par-ticolare riferimento al D.P.R. 324/2001 concernente il Decreto di attuazione del-le Direttive 94/58/Ce e 98/35/CE relative ai requisiti minimi di formazione per la gente di mare;
15. Conoscenza delle disposizioni impartite dalla Convenzione OIL 180 e dalle Diret-tive 99/63/CE e 99/95/CE e del decreto legislativo 27 maggio 2005, n. 108 at-tuativo della Direttiva 99/63/CE;
16. Conoscenza e principi del Codice ISPS;
17. Conoscenza e principi della Convenzione Internazionale STCW.

Articolo 7
Programma di esame Comune di guardia in coperta
Sezione A/II/4 del Codice STCW
1. L'esame per il conseguimento dell'abilitazione professionale di comune di guardia in coperta, consiste in due prove orali, una sulla tenuta della guardia in coperta e sulla condotta della nave, e l'altra sulla conoscenza dell'inglese tecnico.
2. La commissione potrà avvalersi, ove disponibili, anche di mezzi nautici, di appa-recchiature e/o di simulatori.
3. La commissione in sede di esame verifica la preparazione e l'addestramento di formazione professionale acquisito attraverso i corsi di addestramento STCW '78 nella sua versione aggiornata.
4. La prova orale finalizzata all'accertamento delle competenze nautiche possedute dal candidato per una condotta in sicurezza della nave in navigazione ed in porto coerentemente con le responsabilità di guardia, dovrà essere di durata non inferiore a 60 minuti, verte sul seguente programma:

Governo della nave.
1. Strumenti per la condotta della navigazione:
a) bussole magnetiche, cenni sul campo magnetico terrestre e interazione con la nave, principio della compensazione, tabelle di deviazione e loro utilizzazione; bussole giroscopiche, principio di funzionamento, deviazione e relativa correzio-ne;
b) Conoscenza ed abilità nel trasferire da automatico in manuale e viceversa il con-trollo della rotta;
c) Saper rispondere e interpretare gli ordini dati al timone anche in lingua inglese.

Tenuta della guardia di vedetta
1. Conoscenza dei segnali delle singole bandiere del CISS;
2. Capacità di individuare i segnali acustici e gli altri oggetti: corretto rilevamento in gradi e in punti cardinali e rapporto all'Ufficiale responsabile della guardia;
3. Riconoscere le istruzioni e le informazioni date dall'Ufficiale responsabile della guardia in coperta;
4. Conoscenza dei principi fondamentali da osservare nella tenuta della guardia di navigazione in vedetta;
5. Conoscenza delle procedure da attuare in caso di un'emergenza come stabilito nel ruolo d'appello.

Lingua inglese
1. Prova orale: padronanza della lingua inglese che permetta al candidato di capire le informazioni ed i messaggi che riguardano la sicurezza e la navigazione della nave e di esprimere in modo comprensibile nelle comunicazioni con l'ufficiale re-sponsabile della guardia in particolare riguardo agli ordini che pervengono dalla plancia.
Articolo 8
Programma di esame per l'accesso alle qualifiche del diporto
1. L'esame per la conduzione di unità da diporto dotate di propulsione velica consi-ste in due prove, una pratica ed una teorica.

Prova pratica di navigazione a vela (durata minima 45 minuti)
1. La prova pratica sarà svolta in mare, su unità a vela di lunghezza fuori tutto di almeno 18 metri, al fine di soddisfare sia le esigenze di conduzione d'imbarcazioni che di navi a vela.
2. Il candidato dovrà dimostrare di saper descrivere con proprietà di linguaggio ed eseguire le seguenti operazioni:

a) Conoscenza e conduzione della barca nelle andature di bolina, portanti e in poppa;
b) Conoscenza della terminologia ed esecuzione delle manovre a vela (virare, strambare), sia con timone che senza;
c) Conoscenza delle modalità di controllo e regolazione delle vele, dello sbandamen-to, dell'assetto longitudinale, dello scarroccio;
d) Conoscenza delle modalità di centratura del piano velico, nonché della scelta della combinazione di vele nelle varie andature per il corretto bilanciamento dell'unità a vela in navigazione;
e) Conoscenza della tecnica delle andature, del vento reale e del vento apparente;
f) Esecuzione delle manovre di accosto e disormeggio a vela, di ancoraggio a vela, di recupero di uomo a mare, di aiuto a terzi manovrando a vela;
g) Competenza ad affrontare groppi di vento e conoscenza delle modalità di ridu-zione del piano velico;
h) Conoscenza dei modi di navigazione alla cappa;
i) Disalberamento e procedure per evitare danni allo scafo ed alle appendici per la messa in sicurezza dell'unità;
l) Conoscenza della tecnica di navigazione con moto ondoso e con onde frangenti nelle varie andature;
m) Conoscenza delle regole di navigazione prima e dopo il tramonto;
n) Conoscenza delle diverse dotazioni di sicurezza (giubbotti di salvataggio, cinture di sicurezza, salvagenti anulari, zattere autogonfiabili, ecc.) e loro uso;
o) Conoscenza del corretto abbigliamento per la navigazione a vela con cattivo tem-po ai fini della sicurezza della navigazione e del mantenimento dell'idoneità psi-co-fisica in ogni condizione.

Prova teorica (durata minima 60 minuti)
1. Finalizzata all'accertamento delle competenze nautiche possedute dal candidato per una condotta in sicurezza dell'unità da diporto a propulsione velica in naviga-zione ed in porto coerentemente con le responsabilità dell'ufficiale in comando di guardia, verte sul seguente programma:

Arte marinaresca
a) Conoscenza dello scafo e della terminologia propria della costruzione degli scafi a vela (ossatura, fasciame, coperta, componenti ed attrezzature) per una pronta identificazione di ogni componente anche ai fini di una idonea comunicazione con l'esterno;
b) Individuazione dei vari tipi di scafi a vela, in base alle loro forme ed alle appen-dici fisse e mobili; modalità d'uso delle appendici mobili e loro sistemi di control-lo anche ai fini di messa in sicurezza a seguito di avaria ai sistemi di controllo;
c) Nozioni di base sulla resistenza all'avanzamento degli scafi a vela per compren-dere il moto d'abbrivio e le condizioni di non governo e le relative azioni da intra-prendere per controllare il moto dello scafo;
d) Conoscenza della teoria e pratica del funzionamento del timone nei moti avanti ed indietro per avere padronanza dei movimenti in sicurezza nella navigazione in acque ristrette e per le manovre di ormeggio e disormeggio a vela;
e) Conoscenza dei materiali di costruzione degli scafi (metalli, legno, fibre) e moda-lità di riparazione e manutenzione anche in emergenza;
f) Conoscenza dell'allestimento delle antenne (alberi, boma, tangone, bompresso) e loro regolazioni, manovre fisse e correnti, nodi ed impiombature, bozzelli e pa-ranchi, rinvii, attrezzature di coperta; conoscenza delle modalità di riparazione e manutenzione ordinaria ed in emergenza;
g) Conoscenza dei modi per armare e disarmare, riordinare dotazioni e vele;
h) Conoscenza delle parti della vela, della forma delle vele, dei vari tipi di vela, dei sistemi di riduzione della superficie velica per affrontare condizioni di vento for-te, dei materiali di costruzione delle vele; conoscenza ed uso delle vele di tempe-sta; conoscenza delle relative modalità di riparazione e manutenzione;
i) Conoscenza delle attrezzature dei velieri e dei diversi armamenti anche ai fini di una corretta comunicazione con l'esterno;
l) Identificazione delle barche da regata e delle classi riconosciute dalla Federazio-ne Italiana Vela anche ai fini di una corretta comunicazione con l'esterno;
m) Approntamento degli armamenti d'emergenza: alberi, sartiame, vele, timone.

Teoria della nave e dinamica dello scafo e della vela
a) Conoscenza delle nozioni di assetto e stabilità per affrontare condizioni di falla ed allagamento nonché di rovesciamento;
b) Conoscenza delle riserve di galleggiabilità e raddrizzamento;
c) Conoscenza del piano di deriva e delle sue forme per valutare correttamente lo scarroccio in navigazione;
d) Conoscenza degli effetti del vento sulle vele, della dinamica della vela, del centro velico e della interazione tra le vele.

TITOLO III
PROGRAMMI DI ESAME PER LA SEZIONE MACCHINA
Svolgimento delle prove di esame

Articolo 9
Programma di esame per l'abilitazione di Ufficiale di macchina
Sezione A/III/1 del Codice STCW
1. L' esame per il conseguimento dell'abilitazione professionale di Ufficiale di mac-china, consiste nelle seguenti prove:

Prova pratica (durata minima 45 minuti)
1. La prova pratica consiste nell'accertamento, da parte della commissione, delle competenze possedute del candidato, sul funzionamento e sulla manutenzione degli apparati ed impianti principali di macchina e dei suoi ausiliari, nonché sulla regola-zione e sul controllo della strumentazione di macchina, in relazione ai contenuti del programma di esame.
2. La commissione potrà valersi, ove disponibili, anche di mezzi nautici, apparec-chiature o simulatori.
3. La commissione in sede di esame verifica la preparazione e l'addestramento di formazione professionale acquisito attraverso i corsi di addestramento STCW.

Inglese Tecnico prova scritta e orale (durata minima 60 minuti)
1. Finalizzata alla verifica da parte della commissione d'esame della conoscenza del candidato di termini tecnici utilizzati nei manuali relativi alla sezione macchina.
2. Prova scritta: il marittimo dovrà dimostrare di saper tradurre, senza l'ausilio del vocabolario, un testo tecnico-nautico in lingua inglese;
3. Prova orale: Adeguata conoscenza della lingua inglese che permetta all'ufficiale di utilizzare pubblicazioni tecniche sul funzionamento degli apparati motore e di ese-guire lavori tecnici.


Prova teorica (durata minima 60 minuti)
1. Il candidato dovrà dimostrare di essere in possesso di competenze sul funziona-mento e sull'esercizio dell'apparato motore, sui servizi ausiliari di bordo, sulla cen-trale elettrica della nave e sulla manutenzione programmata.
2. È finalizzata all'accertamento delle competenze tecniche-professionali possedute dal candidato, verte sul seguente programma:

Materiali impiegati nel campo navale e loro lavorazioni
1. Cenni sulle caratteristiche e sull'impiego dei materiali utilizzati nel settore na-vale della costruzione, della riparazione e degli impianti/macchinari di bordo e dei suoi componenti;
2. Cenni sui procedimenti di lavorazione utilizzati nel settore navale della costru-zione, della riparazione e degli impianti/macchinari di bordo e dei suoi compo-nenti;
3. Cenni di tecnologia meccanica sulle macchine utensili e sugli utensili impiegati a bordo; l'officina di bordo;
4. Conoscenza delle norme di sicurezza del lavoro e dell'ambiente di lavoro.

Stabilità della nave
1. Conoscenza ed impiego delle istruzioni al Comandante sulla stabilità e sull'assetto della nave;
2. Conoscenza ed impiego dei diagrammi relativi alla valutazione del momento flettente e degli sforzi di taglio nella trave nave;
3. Conoscenza del manuale di stabilità in caso di falla;
4. Compartimentazione della nave;
5. Azioni da intraprendere in caso di via d'acqua nello scafo ove ne è stata com-promessa parzialmente la galleggiabilità.

Costruzione navale
1. Conoscenza dei principali elementi strutturali di una nave e differenza tra le diverse tipologie di navi.

Combustibili
1. Combustibili solidi, liquidi e gassosi. Loro proprietà e caratteristiche;
2. Imbarco dei combustibili, adempimenti di sicurezza, distribuzione dei combusti-bili a bordo, depositi dei combustibili;
3. Preriscaldamento del combustibile, operazioni di travaso;
4. Decantazione, filtrazione, depurazione centrifuga.

Lubrificazione
1. Lubrificazione e i suoi scopi;
2. Lubrificanti impiegati a bordo e loro caratteristiche;
3. imbarco dei lubrificanti e relativi depositi;
4. Lubrificazione delle macchine degli impianti a vapore, delle turbine a gas, dei motori a combustione interna, di tutti gli organi rotanti inclusi gli assi porteli-ca;
5. Circuiti di lubrificazione;
6. Depurazione e refrigerazione dell'olio;
7. Consumi specifici dell'olio lubrificante.

Generatori di vapore
1. Norme da osservare per l'approntamento all'accensione delle caldaie principali ed ausiliarie;
2. Calderine ausiliarie indipendenti, a gas di scarico ed a olio diatermico;
3. Accessori di sicurezza e di controllo delle caldaie principali ed ausiliarie;
4. Condotta delle caldaie in porto e in navigazione;
5. Polverizzatori e registri dell'aria;
6. Regolazione della combustione e relativo controllo automatico;
7. Spegnimento delle caldaie e relativa conservazione;
8. Apparecchi automatici di alimentazione delle caldaie, controllo del livello in caldaia;
9. Soffiatori di fuliggine, surriscaldatori e desurriscaldatori, attemperatori, eco-nomizzatori, preriscaldatori d'aria;
10. Tipi di tiraggio e relative apparecchiature di controllo, ventilatori e deareatori;
11. Avarie più frequenti che possono verificarsi durante il funzionamento delle cal-daie e dei relativi macchinari ausiliari e distillatori, come evitarle e ripararle;
12. Analisi delle acque in caldaie e lungo il circuito di alimento;
13. Trattamento delle acque di caldaia;
14. Ebollizione in caldaia e modo per prevenirla;
15. Spurghi;
16. Acque di integrazione delle caldaie e relative analisi per accertarne la bontà;
17. Distillatori impiegati a bordo e relativa messa in funzione, arresto e pulizia;
18. Incrostazioni e corrosioni nelle caldaie.

Macchine a vapore navali
1. Preparazione, messa in moto, esercizio e conservazione delle macchine di un impianto a vapore navale.
2. Interpretazione di disegni e schemi di impianti navali con macchine a vapore e dei loro ausiliari. Impiego dei relativi manuali per le manutenzioni;
3. Avarie di tali motrici in navigazione;
4. Operazioni da seguire in arrivo, in porto e in fermata;
5. Regolazione e inversione di marcia;
6. Condensatori e relativi ausiliari.

Macchine a combustione interna navali e avarie
1. Struttura, caratteristiche di funzionamento e campo di impiego dei motori die-sel navali a quatto tempi e due tempi, motori diesel principali ed ausiliari, mo-tori a combustibile liquido e gassoso, accoppiamento diretto ed indiretto, ridut-tori del numero di giri, linea d'assi, cenni sui propulsori navali, cenni sulla propulsione elettrica;
2. iniezione del combustibile, motori a iniezione elettronica, consumi specifici di combustibile emissione inquinanti dei motori diesel;
3. Lavaggio e sovralimentazione, turbosoffianti,. elettrosoffianti e soffianti alterna-tive;
4. Raffreddamento dei motori, circuiti di raffreddamento, recupero del calore di raffreddamento_;
5. Lubrificazione dei motori, circuiti di lubrificazione, consumi specifici di olio lu-brificante;
6. motori diesel principali ed ausiliari: preparazione al moto, avviamento, regola-zione, conduzione, vigilanza, inversione di marcia, arresto e conservazione;
7. Rilievo e lettura dei diagrammi aperti e chiusi, visite e controlli degli organi mobili e della distribuzione, delle pompe del combustibile, dei polverizzatori e degli organi costituenti i circuiti di lavaggio, sovralimentazione, raffreddamen-to, lubrificazione ed avviamento;
8. Interpretazione di disegni, di schemi di insieme e del particolare, di monografie e di manuali di manutenzione degli impianti di propulsione con motori diesel;
9. Funzionamento, struttura, prestazioni e campo di impiego delle turbine a gas navali; avarie e prevenzione delle stesse che possono verificarsi all'avviamento e in navigazione.

Sistemi di pompaggio
1. Classificazione delle pompe, prevalenza, potenza utile e assorbita, regolazione della portata;
2. Perdite di carico lungo la linea, punto di funzionamento di una pompa, ade-scamento, cenni sull'altezza massima di aspirazione, sul colpo di ariete e sulla cavitazione;
3. Impiego delle pompe a bordo delle navi: pompe di estrazione, alimento, circola-zione, travaso, sentina, zavorra, incendio e del carico; pompe a portata variabi-le, circuiti idraulici, eiettori.

Elettrotecnica ed impianti elettrici di bordo
1. Generatori di corrente continua e alternata, loro azionamento alternatore-asse;
2. Preparazione, avviamento, parallelo tra alternatori;
3. Cenni sulle caratteristiche di costruzione e di funzionamento di una centrale elettrica principale e di emergenza e sue utenze;
4. Motori elettrici sincroni e asincroni, motori di corrente continua;
5. Quadri elettrici e distribuzione energia elettrica a bordo, trasformatori, rad-drizzatori, inverter;
6. Isolamento dei vari circuiti e valori accettabili;
7. Funzionamento, impiego e manutenzione degli accumulatori e pile;
8. Sistemi di comunicazione tra ponte e sala macchine e sistemi elettrici di co-municazione interna di bordo;
9. Telegrafo di macchina;
10. Caratteristiche sulla costruzione e sul funzionamento delle strumentazioni per misurare le grandezze elettriche;
11. Avarie comuni negli impianti elettrici di bordo ed i metodi per prevenirle ed in-dividuarle;
12. Norme di sicurezza sul lavoro quando si opera sugli impianti elettrici di bordo.



Manutenzione e riparazione di bordo
1. Lavori di manutenzione allo scafo;
2. Ispezione della carena in bacino;
3. Rilievo dei laschi nell'astuccio dell'asse portaeliche e abbassamento del timone. Sistemi di tenuta dell'asse porta eliche;
4. Principi di funzionamento dei principali impianti di bordo, dei relativi macchi-nari e sistemi di controllo, loro manutenzione e riparazione (impianto di gover-no, impianti di ormeggio, impianto frigorifero – con relativo ciclo limite e sche-ma funzionale -, impianto di ventilazione, ecc.). Gestione informatica della ma-nutenzione programmata del magazzino, e scadenzario secondo le disposizioni dell'ISM Code;

Procedure di emergenza e dotazioni per la prevenzione antincendio
1. Procedure di sicurezza e di emergenza richieste in caso di intervento su im-pianti elettrici di bordo o altri sistemi di impianto/macchinari/attrezzature da attuare prima che vi operi il personale;
2. Provvedimento da prendere in caso di incaglio o falla o altre emergenze che possono verificarsi a bordo;
3. Verifica sulla conoscenza acquisita nel corso antincendio di base e avanzato;
4. Azioni da prendere in caso d'incendio;
5. Utilizzo e prova degli impianti fissi e mobili per soffocare l'incendio nei locali macchine e nei locali dei gruppi elettrogeni. Procedure di attivazione e control-lo;
6. Conoscenza degli schemi filari e loro maneggio per il travaso o esaurimento li-quidi in caso di fallo o non voluti sbandamenti nave.

Procedure antinquinamento
1. Precauzioni da osservare per prevenire l'inquinamento dell'ambiente da idro-carburi, residui del carico, acque nere, fumo ed altri inquinanti;
2. Uso di attrezzature per la prevenzione dell'inquinamento;
3. Separatori di acque oleose;
4. Casse di raccolta di liquidi inquinanti, conferimento a terra;
5. Impianti di raccolta ed il trattamento dei liquami;
6. L'inceneritore di rifiuti solidi e liquidi.

Conoscenza di nozioni di base e di simbologia grafica degli impianti
1. Conoscenza dei concetti base di: meccanica, termodinamica, idraulica, oleodi-namica, pneomatica, elettrotecnica, elettronica ed automazione navale;
2. Conoscenza della simbologia grafica riguardante gli impianti: meccanici, termi-ci, idraulici, oleodinamici, pneumatici, elettrici, elettronici, di automazione na-vale, nonché quelli relativi agli impianti antincendio e la colorazione dei tubi di bordo;
3. Interpretazione di schemi degli impianti/servizi di bordo.




Tenuta della guardia
1. Compiti connessi con la consegna, il rilevamento, l'accettazione della guardia;
2. Compiti da svolgere durante la guardia;
3. Tenuta del giornale di macchina ed interpretazioni delle registrazioni effettua-te;
4. Procedure di sicurezza e di emergenza;
5. Cambio di tutti i sistemi da automatico a distanza a manuale locale e vicever-sa;
6. Precauzioni di sicurezza da rispettare durante la guardia ed i provvedimenti immediati da prendere in caso di incendio o avaria in tutti i principali impian-ti/macchinari di bordo sotto controllo dell'ufficiale di guardia in macchina;
7. Conoscenza e rispetto dei sistemi di gestione della sicurezza durante la guar-dia – International Safety Management Code (Codice ISM).

Pronto soccorso
1. Elementi di primo intervento per far fronte a casi di infortunio che possono ve-rificarsi a bordo e nello specifico in sala macchine;
2. Norme antinfortunistiche.

Nozioni generali di diritto marittimo, normativa nazionale/internazionale del settore marittimo.
1. Lo Stato ed i suoi elementi costitutivi;
2. La persona fisica e giuridica;
3. La norma giuridica e le sue fonti;
4. La responsabilità civile e penale;
5. L'Amministrazione Marittima, il personale marittimo con particolare riferimen-to alla gente di mare;
6. Disciplina, previdenza e assistenza del personale marittimo;
7. Doveri e responsabilità dell'ufficiale di macchina alla partenza, in navigazione e all'arrivo;
8. Conoscenza nel settore navale di: organizzazioni internazionali atte ad emana-re normative (imo/ilo), convenzioni e codici internazionali, legislazione comuni-taria e nazionale in tema di prevenzione dell'inquinamento marino e di sicurez-za della navigazione per la salvaguardia della vita umana in mare nonché delle normative riguardanti la sicurezza dei lavoratori marittimi nei luoghi di lavoro;
9. Decreto Legislativo 27 luglio 1999, n. 271 relativo all'adeguamento della nor-mativa sulla sicurezza e salute dei lavoratori marittimi a bordo delle navi mer-cantili e da pesca nazionali e il Decreto Legislativo 27 luglio 1999, n. 272 re-cante l'adeguamento della normativa sulla sicurezza e salute dei lavoratori nell'espletamento di operazioni e servizi portuali, nonché di operazioni di ma-nutenzione, riparazione e trasformazione delle navi in ambito portuale, a nor-ma della legge 31 dicembre 1998, n. 485;
10. Assistenza medica: conoscenza dell'uso della guida medica internazionale per le navi, della sezione medica del codice internazionale, i segnali e la guida me-dica per il pronto soccorso da usarsi in caso di infortuni provocati dal maneg-gio di merci pericolose;
11. Conoscenza delle normative sulla certificazione del personale marittimo con particolare riferimento al D.P.R. 324/2001 concernente il Decreto di attuazione delle Direttive 94/58/CE e 98/35/CE relative ai requisiti minimi di formazione per la gente di mare;
12. Conoscenza delle disposizioni impartite dalla Convenzione OIL 180 e dalle Di-rettive 99/63/CE e 99/95/CE del decreto legislativo 27 maggio 2005, n. 108 attuativo della Direttiva 99/63/CE;
13. Elementi e principi della Convenzione STCW, con particolare riferimento al Cap. III e al Cap. VIII.
Articolo 10
Programma di esame per le abilitazioni di
Primo Ufficiale di macchina su navi con apparato motore principale pari o superiore a 3000 Kw
Primo ufficiale di macchia su navi con apparato motore principale tra 750 e 3000 Kw
Sezioni A/III/2 e A/III/3 del Codice STCW
1. L' esame per il conseguimento delle abilitazioni professionali di Primo ufficiale di macchina su navi con apparato motore principale pari o superiore a 3000 Kw e di Primo ufficiale di macchina su navi con apparato motore principale tra 750 e 3000 Kw consiste in una prova pratica e una prova teorica, nonché di una prova scritta e orale sulla conoscenza dell'inglese tecnico.
2. La commissione dovrà accertare che il candidato sappia affrontare e risolvere i vari problemi relativi alla condotta delle macchine su navi dotate di apparato moto-re principale di potenza pari, inferiore o superiore a 3000 Kw, abbia competenze sulle caratteristiche operative e sull'affidabilità dell'apparato principale di propul-sione, sui macchinari e sui servizi ausiliari di bordo, nonché sulle norme interna-zionali e nazionali di settore in materia di sicurezza per la salvaguardia della vita umana in mare, di prevenzione dell'inquinamento dell'ambiente marino nonché di sicurezza del lavoro a bordo delle navi mercantili.
3. La commissione dovrà, inoltre, accertare che il candidato abbia un livello di competenze tecnico-professionali nautiche tali da assicurare lo svolgimento dei compiti propri del primo ufficiale di macchina con particolare riguardo alla sicurez-za della nave e dell'equipaggio addetto all'esercizio e alla manutenzione delle mac-chine e dei servizi ausiliari nonché la conoscenza degli argomenti riportati nel pro-gramma di esame di cui all'articolo 14 del presente decreto.
4. La commissione potrà avvalersi di attrezzature, simulatori o apparati esistenti a terra e, ove possibile, anche di mezzi nautici.

Inglese tecnico prova scritta e orale (durata minima 60 minima)
1. Prova scritta: il marittimo dovrà dimostrare di saper tradurre, senza l'ausilio del vocabolario, un testo tecnico-nautico in lingua inglese;
2. Prova orale: adeguata conoscenza della lingua inglese che permetta all'Ufficiale di usare pubblicazioni tecniche sul funzionamento degli apparati motore e di eseguire lavori tecnici.


Prova teorica (durata minima 60 minuti)
1. Finalizzata all'accertamento delle competenze tecniche-professionali possedute dal candidato verte sul seguente programma:

Principi fondamentali
1. Sistemi e unità di misura. Principi fondamentali di meccanica applicata alle macchine, oledinamica, termodinamica e trasmissione del calore;
2. Trasformazioni termodinamiche dei gas e dei vapori;
3. Cicli limite e schemi funzionali degli impianti di propulsione navale a combu-stione interna, turbogas ed a vapore;
4. Ciclo limite e schema funzionale di un impianto frigorifero e di condizionamen-to;
5. Caratteristiche fisiche e chimiche di combustibili e lubrificanti;
6. Conoscenza delle caratteristiche tecnologiche e meccaniche dei principali ma-teriali impiegati a bordo delle navi;
7. Combustione: chimica e fisica degli agenti infiammabili ed estinguenti;
8. Conoscenza dei segni grafici degli impianti: termoelettrici, oleodinamici, pneu-matici, antincendio, elettrici ed elettronici, lettura di schemi d'impianti navali. Gestione informatizzata delle tavole grafiche (CAD);
9. Meccanica e sistema internazionale di misura;
10. Principi di automazione navale.

Elettrotecnica
1. Elettrotecnica e impianti elettrici di bordo;
2. Generatori di corrente alternata;
3. Motori a corrente continua e alternata, sincroni e asincroni;
4. Trasformatori statici, raddrizzatori, invert: loro struttura e funzionamento;
5. Propulsione: turboelettrica e Diesel-elettrica.

Impianti elettrici di bordo
1. Centrale di produzione elettrica e Centrale elettrica di emergenza;
2. Accumulatori (funzionamento, sistemazione, controlli, ricarica), pile;
3. Impianto di telefonia ed altri sistemi di comunicazione interna di bordo;
4. Quadri e sottoquadri, sistemi di distribuzione dell'energia elettrica a bordo;
5. Normative sugli impianti elettrici di bordo;
6. Guasti più comuni che possono verificarsi all'impianto elettrico di bordo: me-todologie di individuazione e riparazione/intervento;
7. Funzionamento, prova e manutenzione delle strumentazioni elettriche di con-trollo, diagnostica dei guasti;
8. Norme di sicurezza e prevenzione infortuni per il personale operante sugli im-pianti elettrici.

Automazione navale
1. Principi essenziali di automazione navale;
2. Elementi di elettronica analogica e digitale;
3. regolazione automatica apparati di automazione;
4. Sistemi di controllo e strumentazione, loro funzionamento, prove, manuten-zione programmata degli impianti di automazione.

Costruzione, allestimento e stabilità navale- Procedure e emergenze per la si-curezza della nave
1. Conoscenza di elementi di costruzione ed allestimento navale;
2. Riserva di galleggiabilità, compartimentazione e cenni sull'assegnazione del bordo libero;
3. Conoscenza di elementi fondamentali sulla stabilità ed assetto della nave: al-tezza metacentrica, coppia di stabilità, diagramma di stabilità, imbarco e spo-stamento di pesi con particolare riferimento al trasferimento di liquidi e solle-vamento di organi meccanici in sala macchine. Cenni sulle normative IMO sul-la stabilità;
4. Provvedimenti per conservare condizioni di assetto e stabilità;
5. Falle e incaglio: assetto, stabilità, provvedimenti da attuarsi. Piano antifalla (damage control plane);
6. Cenni di architettura navale;
7. Influenza di bassi fondali sull'idrodinamica della nave e sull'apparato motore;
8. Procedure generali da adottare in caso di emergenza.

Adempimenti e controlli da effettuare a bordo.
1. Visita generale della nave;
2. Visita generale dell'apparato motore, dei macchinari e dei servizi ausiliari non-ché dello scafo per assumere la direzione delle macchine;
3. Organizzazione del servizio in sala macchine;
4. Classificazione delle navi, certificati di classe e relative visite;
5. Controlli da effettuare quando la nave è in bacino;
6. Controllo dei sistemi di propulsione e di governo e delle lamiere dello scafo;
7. Prove in mare.

Funzionamento e manutenzione apparati motori
1. Funzionamento e manutenzione di motori marini Diesel, impianti di propul-sione a vapore e turbine a gas.

Macchinari, impianti/servizi di bordo compresi quelli di sicurezza, loro fun-zionamento, manutenzione, manovra/conduzione e controllo, cattivo funzio-namento degli stessi, prevenzione ed individuazione delle avarie
1. Macchine operatrici su fluidi a bordo delle navi, le loro caratteristiche di eser-cizio e circuiti relativi, installazione, avviamento esercizio, manutenzione e ir-regolarità di funzionamento, pompe di estrazione, alimento, circolazione, tra-vaso, spinta nafta, sentina, zavorra, carico, prosciugamento, lubrificazione; pompe dosatrici ed a portata variabile, centraline oleodinamiche, eiettori a va-pore ed idraulici, ventilatori, soffianti, compressori e circuiti dell'aria compres-sa;
2. Servizio di imbarco e travaso dei combustibili e degli oli lubrificanti, autonomia della nave;
3. Depositi e casse di acqua e relativi sistemi di distribuzione, impianti di potabi-lizzazione e di refrigerazione dell'acqua;
4. Servizi di sentina, incendio, zavorra e carico;
5. Trasmissione del moto al propulsore, giunti, riduttori, reggispinta, linea d'assi, torsiometro, supporti, astuccio e asse porta elica; eliche a pale fisse e a pale o-rientabili, altri tipi di propulsori;
6. Organi di governo: timoni, agghiacci, unità di potenza, telemotori, sistemi di comando, pinne stabilizzatrici del rollio;
7. Ausiliari di coperta e mezzi di sollevamento: gru, picchi di carico, verricelli, ar-gani, salpancore;
8. Impianti di refrigerazione marina: tipi, funzionamento, condotta, regolazione e manutenzione; impianto frigorifero a compressione di vapore come pompa di calore, impianti di ventilazione ei condizionamento, funzionamento, condotta , regolazione e manutenzione;
9. Compartimentazione della nave, porte stagne e porte tagliafuoco, loro coman-do, manutenzione dell'impianto e prove periodiche;
10. Prevenzione, rivelazione ed estinzione degli incendi a bordo delle navi, impianti antincendio fissi e mobili, pompe incendio principali e di emergenza e relative tubolature, la difesa antincendio a bordo delle navi cisterna, impianto Crude Oil Washing, impianto gas inerte e sue parti costituenti, generatori autonomi di gas inerte, loro struttura, condotta e manutenzione;
11. impianti di allarme (generale, equipaggio, CO2, interfonico e di tutti i sistemi di bordo in genere;
12. Mezzi di sfuggita, mezzi di selvaggio collettivi e individuali, loro funzioni ed u-so;
13. Protezione catodico dello scafo e del propulsore;
14. Organizzazione della manutenzione dei macchinari, dei servizi e degli impianti di bordo, individuazione dei guasti e delle avarie, loro controllo, procedure di intervento e di riparazione.

Procedure antinquinamento
1. Precauzioni per prevenire l'inquinamento da idrocarburi, da residui del carico, da acque nere, da fumo e da altri agenti inquinanti;
2. Impianti per la prevenzione dell'inquinamento;
3. Impianti di filtrazione e di separazione di acque oleose;
4. Deposito e raccolta di residui di sentine;
5. Inceneritori di rifiuti solidi e liquidi;
6. Impianto di depurazioni di liquami;
7. Effetti dell'inquinamento marino sull'ambiente;
8. Regole da osservare, metodi e mezzi per prevenire l'inquinamento dell' ambien-te ad opera di navi;

Pronto soccorso
1. Procedure di primo intervento per far fronte a casi di infortunio che possono verificarsi a bordo e nello specifico in sala macchina;
2. Impiego dell'equipaggiamento per il pronto soccorso;

Procedure per la salvaguardia e la sicurezza della nave, dell'equipaggio e dei passeggeri
1. Conoscenza delle regole circa le dotazioni di sicurezza previste dalla SOLAS e dal Regolamento di sicurezza;
2. Organizzazione delle esercitazioni d'incendio e di abbandono della nave;
3. Manutenzione per il funzionamento corretto delle dotazioni di sicurezza, antin-cendio e degli altri sistemi di sicurezza;
4. Azioni da prendere per la protezione e la salvaguardia in emergenza di tutte le persone;
5. Azioni per limitare i danni e salvare la nave in seguito ad incendio, esplosione, collisione o incaglio;
6. Metodi e aiuti per la prevenzione antincendio, per la sua rilevazione e la sua estinzione;
7. Funzioni e uso delle dotazioni di sicurezza.

Tenuta della guardia
1. Conoscenza delle norme e delle tecniche sulla tenuta della guardia in macchi-ne;
2. Organizzazione, direzione e addestramento del personale di macchina a bordo.

Procedure di intervento in materia di sicurezza – International Safety Management Code (Codice ISM).

Valutazione della certificazione a bordo
1. I certificati e le altre documentazioni che devono essere tenute a bordo, come si ottengono e periodo della loro validità, in base alle disposizioni delle Conven-zioni Internazionali e relative norme di attuazione.
2. Responsabilità per le disposizioni relative alla Convenzione Internazionale sul Bordo Libero.
3. Responsabilità relative alla Convenzione Internazionale per la Salvaguardia della Vita Umana in Mare;
4. Responsabilità relative alla Convenzione Internazionale per la Prevenzione dall'inquinamento causato dalle navi;
5. Responsabilità relative alle documentazioni, con particolare attenzione alla compilazione del giornale di macchina e del giornali idrocarburi;
6. Responsabilità relative alle documentazioni.

Diritto marittimo, normativa nazionale/internazionale del settore marittimo.
1. Elementi di diritto della navigazione con particolare riferimento all'organizzazione dell'Amministrazione marittima e dell'organizzazione della vi-ta a bordo;
2. I contratti di lavoro marittimo;
3. Doveri e responsabilità del personale di macchina alla partenza, in navigazione e all'arrivo in porto;
4. Disciplina, previdenza e assistenza del personale marittimo;
5. Gerarchia di bordo;
6. L'armatore e l'equipaggio;
7. Enti di classificazione delle navi e cenni sui regolamenti degli stessi;
8. Certificazioni e documentazioni da tenere a bordo in forza della normativa in-ternazionale e nazionale di settore, modalità di rilascio, periodo di validità;
9. Conoscenza nel settore navale di: organizzazioni internazionali (IMO/ILO) atte ad emanare normative, convenzioni e codici internazionali, legislazione comu-nitaria e nazionale in tema di prevenzione dell'inquinamento marino e di sicu-rezza della navigazione per la salvaguardia della vita umana in mare;
10. Norme antinfortunistiche in relazione alle normative relative alla sicurezza del marittimo sui luoghi di lavoro;
11. Decreto legislativo 27 luglio 1999 n. 271 relativo all'adeguamento della norma-tiva sulla sicurezza e salute dei lavoratori marittimi a bordo delle navi mercan-tili e da pesca nazionali;
12. Conoscenza delle normative sulla certificazione del personale marittimo con particolare riferimento al D.P.R. 324 del 9 maggio 2001 concernente il Decreto di attuazione delle Direttive 94/58/Ce e 98/35/CE relative ai requisiti minimi di formazione per la gente di mare;
13. Conoscenza delle disposizioni impartite dalla Convenzione OIL 180 e dalle Di-rettive 99/63/CE e 99/95/CE del decreto legislativo 27 maggio 2005, n. 108 attuativo della Direttiva 99/63/CE;
14. Conoscenza e principi del Codice ISPS;
15. Conoscenza e principi della Convenzione Internazionale STCW;
16. Conoscenza della gestione del personale, dell'organizzazione e dell'addestramento a bordo;
17. Conoscenza delle Convenzioni e delle Raccomandazioni Marittime Internazio-nali relative alle norme di legge nazionale concernenti l'organizzazione e ge-stione dell'equipaggio.

Articolo 11
Programma per l'abilitazione di Comune di guardia in macchina
Sezione del Codice STCW A/III/4
1. L'esame per il conseguimento dell'abilitazione professionale di comune di guardia in macchina, consiste in due prove orali, una teorica sulla tenuta della guardia in macchina e l'altra sulla conoscenza dell'inglese tecnico.
2. La commissione potrà avvalersi, ove disponibili, anche di mezzi nautici, di appa-recchiature e/o di simulatori.
3. La commissione in sede di esame verifica la preparazione e l'addestramento di formazione professionale acquisito attraverso i corsi di addestramento STCW .
4. La prova orale finalizzata all'accertamento delle competenze nautiche possedute dal candidato coerentemente con le responsabilità di guardia in macchina, dovrà essere di durata non inferiore a 60 minuti, verte sul seguente programma:






Tenuta della guardia in macchina
1. Saper riconoscere e elencare i componenti e i nomi dei macchinari e degli acces-sori che sono presenti in sala macchina.
2. Capacità di trasmettere e ricevere le istruzioni e le informazioni per una corretta tenuta della guardia nel locale macchina.
3. Saper prevenire gli infortuni in relazione alle operazioni di routine in sala mac-china (ordinaria manutenzione, cambio olio ecc.)
4. Principi e procedure per una corretta rilevazione della guardia in macchina.
5. Saper riconoscere i sistemi di allarme con particolare riferimento a quelli relativi il sistema antincendio.
6. Saper distinguere e verificare i corretti livelli acqua e pressione vapore nel locale caldaia.
7. Saper utilizzare le dotazioni di emergenza e osservare le procedure di sicurezza a bordo individuando i l'uso delle dotazioni antincendio da utilizzare nei locali macchina.

Titolo IV
Disposizioni finali

Articolo 13
(norme abrogate)

2. Il Decreto Ministeriale 1° agosto 1986 concernente modificazioni ai programmi per il conseguimento dei titoli professionali marittimi


Il presente Decreto sarà pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale della Repubblica Italia-na.


Roma lì Il Ministro