sei in » home page»ministero»Dipartimento per le Infrastrutture, i Sistemi Informativi...»Direzione Generale per le Strade e le Autostrade e per la Vigilanza e la Sicurezza nelle Infrastrutture Stradali

Ministro Delrio
casa al centro del mondo
Ricerca avanzata
SERVIZI

Per segnalazioni inerenti il sito:
contatti sito
Gara MIT – DG Strade e autostrade 01/14.
Gara MIT – DG Strade e autostrade 01/14. “Affidamento in Concessione delle attività di costruzione, gestione e manutenzione dell’Autostrada A21 Piacenza-Cremona-Brescia e diramazione per Fiorenzuola d’Arda (PC) di km 88,6, compreso il completamento della realizzazione di tutti gli interventi previsti nella Convenzione unica sottoscritta in data 7 novembre 2007 tra l’ANAS S.p.A. e la Società Autostrade Centro-Padane S.p.A.”. Codice CUP: F49J12000040007 - Codice CIG: 4239104B46

RISPOSTE AI QUESITI


    AVVISO DI PROROGA DEL TERMINE PER LA PRESENTAZIONE DELLE RICHIESTE DI CHIARIMENTO
    Con riferimento all'istanza avanzata da un Concorrente per la riapertura dei termini di presentazione delle richieste di chiarimenti, si comunica che il termine ultimo previsto al penultimo capoverso del paragrafo A.6. della Lettera di invito è nuovamente stabilito per il giorno 21 gennaio 2015.

  • Il formato editabile degli elaborati progettuali e dei computi metrici posti a base di gara potrà essere ritirato, a decorrere dal giorno 11.12.2014, presso questa Amministrazione – Segreteria della Direzione Generale per le strade e le autostrade e per la vigilanza e la sicurezza nelle infrastrutture stradali, via Nomentana n. 2, 00161 Roma - previo appuntamento telefonico ai nn.06.44123307-06.44123308-06.44267246.
  • Le proposte migliorative agli elaborati progettuali posti in visione, ammissibili in sede d’offerta, riguardano tutte le variazioni introdotte ai sensi dell’art.106 del DPR 207/2010, “nonché le integrazioni e modifiche tecniche proposte (che) dovranno rispondere ai requisiti previsti dalla normativa di riferimento vigente e dai documenti contrattuali, nonché essere compatibili con quanto autorizzato ed approvato da parte di tutti gli Enti e Soggetti competenti", come precisato al paragrafo D) della lettera di invito.
  • Il modulo contenente l’impegno alla riservatezza (All.1 alla lettera d’invito) andrà inserito nella Busta 1.
  • In relazione alla richiesta di specificare il periodo documentabile ai fini del possesso dei requisiti di capacità economico finanziaria del concessionario, dell’esecutore dei lavori e del prestatore dei servizi si conferma che gli stessi devono essere posseduti come di seguito precisato:

    per il concessionario:  per quanto riguarda il fatturato medio annuo, con riferimento “…alle attività svolte negli ultimi cinque anni antecedenti quello di pubblicazione del bando, come risultanti dai corrispondenti bilanci regolarmente approvati e depositati“, come previsto dal p.to III.2.2, lettera a), del bando;

    per quanto riguarda il capitale sociale, con riferimento a quanto “…risultante dall’ultimo bilancio regolarmente approvato e depositato alla data di presentazione della domanda di partecipazione” come previsto al p.to III.2.2, lettera b), del bando;

    per l’esecutore dei lavori: per quanto riguarda il possesso di una cifra di affari in lavori svolti, con riferimento al “…quinquennio antecedente la data di pubblicazione del bando..”, come previsto  p.to III.2.4 del bando;

    per il prestatore dei servizi: per quanto riguarda il fatturato globale per servizi di ingegneria, con riferimento  ai “…migliori cinque anni del decennio precedente la pubblicazione del bando di gara…” come previsto al p.to III.2.5 del bando.
  • Per quanto riguarda i lavori di manutenzione straordinaria, ai sensi del punto 3, paragrafo A) della lettera di invito è a cura del Concorrente la stesura della progettazione anche di livello preliminare, ponendo di conseguenza in capo al medesimo l’individuazione delle categorie SOA.

    Riguardo il calcolo della cifra d’affari in lavori svolti relativi alla capacità economica e finanziaria e tecnica dell’esecutore, si rimanda al punto III.2.4 del bando di gara, ove è specificato che detta cifra dovrà essere non inferiore a 2,5 volte l’importo dei lavori che il concorrente ritiene di eseguire direttamente.
  • Si conferma che possono essere considerate le categorie SOA effettivamente possedute alla data di presentazione dell’offerta, fermo restando il permanere del possesso dei requisiti dichiarati in sede di domanda di partecipazione (vedi dichiarazione paragrafo C), lettera a.1), della lettera di invito).
  • Si conferma altresì che nel calcolo delle opere da poter eseguire direttamente possono essere considerate le classifiche SOA possedute incrementate di 1/5, ai sensi e nel rispetto dell’art.61 del DPR 207/2010.
  • Si conferma che è possibile “individuare”, in sede di domanda di presentazione all’offerta, progettisti singoli o associati in possesso di adeguati requisiti, fermo restando che gli stessi dovranno presentare tutta la documentazione richiesta nel bando di gara.

    Inoltre si conferma che in caso di rinuncia all’avvalimento ottenuto in sede di partecipazione, il soggetto ausiliario non è tenuto a rendere le dichiarazioni di conferma del possesso dei requisiti, essendo sufficiente che il concorrente dichiari di rinunciare a tale avvalimento. Peraltro, in caso di sorteggio ex art. 48 del D.lgs. 163/2006, il soggetto indicato come ausiliario nella domanda di partecipazione dovrà comprovare, per il controllo del possesso dei requisiti, tutte le dichiarazioni rese. Si rinvia, in ogni caso, a quanto disciplinato al paragrafo C), penultimo periodo, della lettera di invito.
  • Si conferma che è possibile ottenere un nuovo avvalimento in sede di presentazione dell’offerta, a condizione che il soggetto ausiliario dichiari che possedeva i necessari requisiti in sede di domanda di partecipazione, come previsto al paragrafo C), penultimo periodo, della lettera di invito.
  • Si conferma la possibilità di partecipare in “ATI di Concessionario”, purché in conformità a quanto precisato al paragrafo C), penultimo periodo, della lettera di invito.
  • Con riferimento alla realizzazione del Raccordo autostradale Ospitaletto-Montichiari - riportato alla lettera a) "Opere Lotto n.1" di cui al punto 2) del paragrafo A.1 della lettera di invito - si allega il relativo quadro economico di progetto.
  • In attuazione di quanto previsto al punto 1) del paragrafo A.1 della lettera di invito, si comunica che il valore di indennizzo che il nuovo il nuovo concessionario dovrà riconoscere al concessionario uscente Società Autostrade Centro-Padane S.p.A. sarà pari ad Euro 260.000.000,00 (duecentosessantamilioni/00) oltre IVA ed è relativo agli interventi realizzati e non ancora ammortizzati.
  • Con riferimento ai soggetti cessati dalle cariche, si conferma che dovranno essere indicati solo quelli eventualmente cessati dopo la data di pubblicazione del bando.
  • In caso di progettisti indicati sotto forma di costituendo RTP, si conferma che i relativi requisiti devono essere posseduti cumulativamente ai sensi dell'art. 261, comma 7, del DPR 207/2010; pertanto è possibile che uno dei progettisti non possieda uno o più dei requisiti richiesti, fermo restando che gli stessi siano soddisfatti dal costituendo RTP nel suo complesso.
  • Nel caso di progettisti indicati sotto forma di costituendo RTP, si conferma che per gli stessi non è necessario indicare le quote di partecipazione.
  • Con riferimento al requisito "organico medio annuo" del prestatore dei servizi richiesto al punto III 2.5 del bando di gara, si chiarisce che tale requisito va calcolato per ciascuno degli anni del triennio considerato.
  • Con riferimento alle categorie SOA OS12 ed OS18 indicate nel bando di gara, si conferma che le stesse sono da intendersi rispettivamente come categorie OS12-A ed OS18-A di cui all'allegato A del DPR 207/2010.
  • I documenti costituenti l'"Offerta Tecnica" e l'"Analisi Trasportistica" possono essere sottoscritti anche solo dal Legale Rappresentante del Concorrente, come previsto ai paragrafi "D.2" e D.BIS.1" della Lettera d'invito.
  •  Gli elaborati costituenti l'"Offerta Tecnica" e l'"Analisi Trasportistica" possono essere sottoscritti e timbrati anche solo sulla copertina ed all'ultima pagina, fermo restando che gli stessi devono essere rilegati in modo tale da garantire la certezza dell'integrità di ogni documento.
  •  L'Offerta Tecnica da presentare in sede di gara non prevede la progettazione preliminare, e di conseguenza l'individuazione delle Categorie SOA relative all'importo € 60.000.000,00 per nuovi interventi di manutenzione straordinaria potrà/dovrà essere effettuata dal Concessionario, solo ad intervenuta aggiudicazione della Concessione. Si rettifica pertanto il secondo punto della precedente risposta di cui alla nota dello scrivente n. 5107 del 9 dicembre 2014.
  • Nel caso di avvalimento dei requisiti di carattere economico-finanziario (es. cifra d'affari in lavori) è possibile sommare il requisito posseduto dal Concorrente con quello del Soggetto Ausiliario, al fine di raggiungere cumulativamente il valore richiesto.
  • Con riferimento alle modalità di prestazione della cauzione definitiva a garanzia dell'esecuzione dei lavori, si specifica che la stessa può essere costituita mediante fidejussione (o polizza fidejussoria) rilasciata da Banca, compagnia assicurativa o intermediario finanziario iscritto all'Albo di cui all'art. n.107 del D. Lgs. n. 385/1983, come peraltro richiamato sia nel bando di gara che nella lettera di invito. 
  • Per quanto riguarda le analisi relative agli eventuali nuovi prezzi, il costo della mano d'opera potrà essere rilevato dai prezziari delle Casse Edili o delle Camere di Commercio territorialmente coinvolte e in un caso specifico (Ponte Po) dal prezziario ANAS 2012 - Compartimento Emilia Romagna. Si fa peraltro presente che i prezzi orari della manodopera vengono utilizzati unicamente per la costruzione di Analisi di Prezzi non rinvenibili nei listini ufficiali di elaborazione ANAS, a cui riferirsi.
  • Nell'ammontare dei 363 milioni di euro, indicati nel bando di gara per la prosecuzione degli investimenti in corso previsti nella Convenzione unica sottoscritta in data 7 novembre 2007, sono ricomprese, altresì, le opere complementari riportate nella "relazione investimenti posti a base di gara" al "numero progressivo 9".
  • Si allega l'elenco elaborati relativo al PE 2007 del 01 - A21 RAC - LOTTI 1 - 2 .
  • Gli importi e le categorie su cui calcolare il possesso dei requisiti del "prestatore di servizi" di cui al punto III.2.5 del bando di gara, sono quelli indicati al punto II.2.1 - Classi e categorie di opere da progettare del medesimo bando di gara.
  • Per quanto riguarda l'intervento relativo al Raccordo autostradale tra il casello di Ospitaletto (A4) il nuovo casello di Poncarale (A21) e l'aeroporto di Montichiari, si conferma che il concorrente in fase di offerta, se lo ritiene necessario, può modificare gli elaborati progettuali. Circa lo svincolo in corrispondenza dell'autostrada BreBeMi, lo stesso non è attualmente modificabile considerato che ogni variazione va concordata con la soc. BreBeMi ed il relativo Concedente C.A.L.
  • Per quanto riguarda i computi metrici posti a base di gara, si fa presente che è da ritenere corretta la versione fornita in modalità non editabile, anche se i discostamenti sono di lieve entità e dovuti ad arrotondamenti.
  • Per quanto riguarda i computi metrici estimativi degli interventi ed i relativi quadri economici posti a base di gara, si fa presente che ai fini dell'offerta è da considerare corretto l'importo riportato sui computi metrici estimativi e che non esiste un quadro economico generale d'offerta.
  • Per quanto riguarda l'intervento relativo al Raccordo autostradale tra il casello di Ospitaletto (A4) il nuovo casello di Poncarale (A21) e l'aeroporto di Montichiari, si conferma che l'importo "lavori - Appalti principale e complementari" è comprensivo degli oneri della sicurezza, i quali ammontano a € 1.622.432,00. 
  • Con riferimento ai nuovi interventi di manutenzione straordinaria posti a base di gara per un ammontare complessivo di Euro 60.000.000,00 si precisa che gli stessi dovranno essere individuati dal concorrente fermo restando l'invarianza dell'importo complessivo anche nell'ipotesi di durata della concessione inferiore a trenta anni.
  • In merito al subentro del concessionario in tutti i rapporti attivi e passivi, con esclusione di quelli di natura finanziaria, riportato al paragrafo A.1. 1) della lettera di invito si precisa quanto segue:
    a) il subentro riguarda tutti i contratti attivi e passivi in essere, compresi quelli di lavoro;
    b) il subentro nei crediti e debiti verso terzi, compresi quelli con il personale e le società concessionarie interconnesse (es. fornitori, etc...) previo conguaglio tra il concessionario subentrante e quello uscente;
    c) nell'ambito del subentro nei rapporti attivi e passivi derivanti dalla Convenzione Unica del 7 novembre 2007, rientra anche il contenzioso in essere del concessionario uscente (es. riserve, cause di lavoro, espropri, ecc) riportato nelle schede allegate alla documentazione di gara. In caso di soccombenza i relativi oneri sostenuti saranno riconosciuti tra i costi ammissibili ai fini regolatori ai sensi della Delibera CIPE n. 39/2007 e s.m.i. a prescindere da eventuali profili di responsabilità del concessionario uscente.
  • In attuazione di quanto previsto al punto 1) del paragrafo A.1 della lettera di invito, si comunica che il valore di indennizzo che il nuovo concessionario dovrà riconoscere al concessionario uscente Società Autostrade Centro-Padane S.p.A., dovrà essere pari ad Euro 260.000.000,00 (duecentosessantamilioni/00) oltre IVA ed è relativo agli interventi realizzati e non ancora ammortizzati. Tale importo dovrà essere riportato sia nel Piano Economico-Finanziario (PEF), sia nel Piano Finanziario Regolatorio (PFR) da presentare in sede di offerta.
  • Con riferimento alla prosecuzione degli investimenti in corso previsti nella Convenzione unica sottoscritta in data 7 novembre 2007 tra l'ANAS Spa e la Società Autostrade Centropadane Spa si precisa che gli stessi ammontano a complessivi Euro 363.000.000,00 e si riferiscono agli investimenti riportati all'art. 2.1 dello schema di convenzione allegato alla lettera di invito.
  • Con riferimento alle Somme a Disposizione dell'Amministrazione riportate nei Quadri Economici di progetto e di gara si precisa quanto segue:
    a) in sede di approvazione dei progetti esecutivi il Concedente, come da prassi, non ritiene ammissibile il riconoscimento della voce imprevisti;
    b) gli oneri relativi al monitoraggio ambientale e alle prove sui materiali sono inclusi nella voce Spese Generali;
    c) le Convenzioni con gli Enti Locali sono già valorizzate in termini di indennizzi per espropri e di opere complementari;
    d) il DM di riferimento ha stabilito per il concessionario Società Autostrade Centro-Padane Spa una percentuale di Spese Generali pari al 7%. Nei QE a base di gara si è considerata una riduzione delle stesse sino al 4% in considerazione della circostanza che praticamente quasi tutti gli oneri tecnico amministrativi (a meno di DL e collaudi) sono già scontati nello stato di avanzamento della realizzazione delle opere.
  • Con riferimento all'opera "Raccordo autostradale Ospitaletto-Montichiari" si precisa quanto segue:
    a) il QE da considerare è quello inserito nella documentazione di gara "costi opere per gara" e che si riporta nell'allegato alla presente lettera "Riepilogo quadri economici " nel quale sono evidenziati, altresì, i presumibili ribassi d'asta utilizzati nel Piano Economico Finanziario posto a base di gara. Si riporta, inoltre, in allegato un ulteriore dettaglio riguardante la ricostruzione del quadro economico dei Lotti 1 e 2 .
    La differenza tra le somme a disposizione decretate da ANAS ed il QE di gara deriva dal completamento della risoluzione delle interferenze, dall'annullamento degli oneri per rallentamenti, dalla quota parte di indennizzi d'esproprio già liquidati e dalla riduzione al 4% delle spese generali.
    b) L'aggiornamento della progettazione esecutiva consiste nella rielaborazione dei documenti progettuali in funzione delle opere già realizzate e l'applicazione di prezzi aggiornati. I relativi compensi sono inclusi nelle Spese Generali.
    c) Il quadro riepilogativo degli espropri relativi ai lotti 1-2-3-4 sono riportati in allegato alla presente lettera. Tali importi rappresentano il limite massimo a carico del nuovo concessionario mentre, eventuali minori costi dovranno rimanere nell'ambito delle somme a disposizione dell'amministrazione.
    d) A valle dell'aggiudicazione della concessione oggetto della procedura di gara, qualora non si sia pervenuta ad una definizione degli espropri in argomento come evidenziato al paragrafo A.1. 2) della lettera di invito, il nuovo concessionario dovrà ripresentare al Concedente per l'approvazione la progettazione ai soli fini della pubblica utilità.
    e) La realizzazione della variante alla SP 22 del lotto 3-4 è da considerarsi a carico del nuovo concessionario che dovrà provvedere all'aggiornamento prezzi utilizzando il prezziario ANAS posto a base di gara.
    f) Per gli accordi bonari già liquidati all'80% dell'indennità pattuita è stato redatto un atto notarile provvisorio.
    g) Gli importi da versare a saldo per espropri relativi ai Lotti 1-2-3-4 sono ricompresi nelle somme inserite nel QE e tengono conto di interessi maturati al 28.02.2014.
  • Con riferimento all'opera " Interventi sulla viabilità ordinaria di adduzione alla A21 in Piacenza: adeguamenti di tratte funzionali della S.P. 6 di Carpaneto" si precisa quanto segue:
    a) il QE da considerare è quello inserito nella documentazione di gara "costi opere per gara" e che si riporta nell'allegato alla presente lettera "Riepilogo quadri economici" nel quale sono evidenziati, altresì, i presumibili ribassi d'asta utilizzati nel Piano Economico Finanziario posto a base di gara.
    b) L'importo delle somme a disposizione, relativamente agli espropri, è stato determinato e comunicato ufficialmente dalla Provincia di Piacenza titolare della procedura, per le reti irrigue sotterranee sono stati destinati € 50.000.
    c) Il progetto esecutivo messo a disposizione negli atti di gara è da considerarsi completo, così come esplicitato nella Relazione sugli investimenti posti a base di gara, mentre si dovrà procedere all'aggiornamento prezzi utilizzando il prezziario ANAS posto a base di gara. Il nuovo concessionario dovrà ripresentare al Concedente per l'approvazione la progettazione ai soli fini della pubblica utilità. Il PSC dovrà essere rielaborato.
  • Con riferimento all'opera "Variante alla S.P. ex S.S. 45bis in corrispondenza degli abitati di Pontevico (BS) e Robecco D'Oglio (CR) Lotto 3" si precisa quanto segue:
    a) il QE da considerare è quello inserito nella documentazione di gara "costi opere per gara" e che si riporta nell'allegato alla presente lettera "Riepilogo quadri economici" nel quale sono evidenziati, altresì, i presumibili ribassi d'asta utilizzati nel Piano Economico Finanziario posto a base di gara.
    b) Con riferimento al QE inserito nella documentazione di gara "costi opere per gara", relativamente agli espropri, l'importo è stato determinato e comunicato in via presuntiva dalle Provincie di Brescia e Cremona titolari della procedura. Le aree sono già state occupate totalmente dalle Provincie e sono stati liquidati gli importi per indennità relativi all'80% di quanto concordato; gli importi indicati nel QE sono indicativi di eventuali fabbisogni derivanti da esigenze di dettaglio.
    c) L'importo relativo agli espropri, riportato in allegato alla presente lettera, rappresenta il limite massimo a carico del nuovo concessionario mentre eventuali minori costi dovranno rimanere nell'ambito delle somme a disposizione dell'amministrazione.
    d) I costi per la realizzazione della Pista ciclopedonale sono allocati alla voce "Altre somme a disposizione" del QE.
    e) Il progetto esecutivo messo a disposizione negli atti di gara è da considerarsi completo, così come esplicitato nella Relazione sugli investimenti posti a base di gara, mentre si dovrà procedere all'aggiornamento prezzi utilizzando il prezziario ANAS posto a base di gara. Il nuovo concessionario dovrà ripresentare al Concedente per l'approvazione la progettazione ai soli fini della pubblica utilità.
  • Con riferimento all'opera "Interventi di adeguamento sistemi di esazione ex Direttiva 2006/38/CE" si precisa quanto segue:
    a) il QE da considerare è quello inserito nella documentazione di gara "costi opere per gara" e che si riporta nell'allegato alla presente lettera "Riepilogo quadri economici" nel quale sono evidenziati, altresì, i presumibili ribassi d'asta utilizzati nel Piano Economico Finanziario posto a base di gara.
    b) Tali Interventi, come riportato sia nella lettera di invito al paragrafo A punto 3) e sia all'art. 2.1 dello schema di convenzione allegato alla medesima lettera di invito, dovranno essere progettati, realizzati e gestiti dal nuovo concessionario.
    c) Alla data odierna non risulta necessario alcun intervento aggiuntivo a quanto previsto dallo studio di fattibilità.
  • Con riferimento all'opera "Barriere antirumore" si precisa che il QE da considerare è quello riportato nell'allegato alla presente lettera "Riepilogo quadri economici" nel quale sono evidenziati, altresì, i presumibili ribassi d'asta utilizzati nel Piano Economico Finanziario posto a base di gara.
  • Con riferimento all'opera "Nuovo casello di Castelvetro, raccordo autostradale con la S.S. 10 Padana Inferiore e completamento della bretella autostradale tra la S.S. 10 Padana Inferiore e la strada S.S. 234" si precisa quanto segue:
    a) il QE da considerare è quello riportato nell'allegato alla presente lettera "Riepilogo quadri economici" nel quale sono evidenziati, altresì, i presumibili ribassi d'asta utilizzati nel Piano Economico Finanziario posto a base di gara.
    b) Le opere complementari effettivamente da realizzarsi sono quelle indicate nel Quadro economico del progetto definitivo del lotto n. 2, ad eccezione dell'accesso all'area Chimoil, la cui necessità è da verificarsi con il Comune di Castelvetro e della variante all'abitato di San Giuliano Piacentino che è regolata con atto convenzionale a parte con un contributo forfettario par ad € 9.000.000,00.
    c) Si conferma la corrispondenza tra elaborati Ponte Conca e dicitura espressa nella "Relazione".
    d) Il progetto esecutivo messo a disposizione negli atti di gara è da considerarsi completo, così come esplicitato nella Relazione sugli investimenti posti a base di gara, mentre si dovrà procedere all'aggiornamento prezzi utilizzando il prezziario ANAS posto a base di gara. Il nuovo concessionario dovrà ripresentare al Concedente per l'approvazione la progettazione ai soli fini della pubblica utilità.
  • Con riferimento a quanto riportato al paragrafo A.6 della lettera di invito (Verifiche sui progetti a base di gara) si precisa che, qualora un concorrente non riscontrasse in fase di gara la necessità di apportare modifiche a detti progetti, possa essere sua facoltà, qualora si aggiudicasse la concessione, proporre, a valle dell'aggiudicazione suddetta, modifiche e/o ottimizzazioni su alcuni o tutti i progetti suddetti che comportino economie in riduzioni degli importi (atte a migliorare gli aspetti funzionali) e che non determinino la riduzione delle prestazioni qualitative stabilite nei progetti stessi e mantengano le condizioni di sicurezza dei lavoratori.
  • Con riferimento a quanto riportato al paragrafo D.BIS della lettera di invito (Analisi trasportistica) si conferma che la variazione dell'onere per l'infrastruttura in funzione della categoria di emissione EURO dovrà riguardare anche le categorie di veicoli leggeri.
  • Con riferimento a quanto riportato al paragrafo E sub c) della lettera di invito (Offerta Economica) si precisa che ciascun concorrente dovrà specificare nella propria offerta la percentuale del presumibile ribasso d'asta che ritiene di applicare sugli importi dei lavori posti a base di gara che sarà vincolante in caso di aggiudicazione della concessione.
  • Con riferimento a quanto riportato al paragrafo E sub c) della lettera di invito (Offerta Economica) si precisa che:
    a) i "Quadri economici" utilizzati per la redazione del Cronoprogramma degli investimenti dovranno essere inseriti all'interno del Piano Economico Finanziario;
    b) il criterio di scelta della struttura delle WBS del Cronoprogramma degli investimenti da inserire nell'Offerta Economica rientra nella discrezionalità di ciascun concorrente.
  • Con riferimento all'obbligo previsto all'art. 3.12 dello schema di convenzione allegato alla lettera di invito si precisa che per mantenimento dei livelli occupazionali si intende il mantenimento, per almeno tre anni, dei dipendenti a tempo indeterminato in servizio al 31 dicembre 2013. Gli eventuali incentivi all'esodo da corrispondere al personale dipendente, sono considerati ammissibili ai fini regolatori, ai sensi della Delibera CIPE n. 39/2007 e s.m.i..
  • Con riferimento alla previsione contenuta all'art. 11.2 dello schema di convenzione allegato alla lettera di invito si precisa che gli eventuali scostamenti in diminuzione tra i ribassi previsti e quelli conseguiti non saranno considerati in sede di aggiornamento o di revisione del Piano Finanziario Regolatorio ai sensi della Delibera CIPE n. 39 del 15 giugno 2007 e s.m.i..
  • Con riferimento alla previsione contenuta all'art. 11.3 dello schema di convenzione allegato alla lettera di invito si precisa che qualora gli investimenti effettivamente realizzati nel periodo regolatorio precedente risultino differenti rispetto a quanto previsto nel Piano Finanziario Regolatorio, il saldo di poste figurative di cui al rigo G del medesimo PFR verrà adeguato in funzione del differente ammontare degli ammortamenti e della relativa remunerazione.
  • Con riferimento alla previsione contenuta all'art. 11.11 dello schema di convenzione allegato alla lettera di invito si precisa che per gli interventi per i quali è stato già approvato il progetto esecutivo il rischio di costruzione è da porre a carico del Concessionario con riferimento a detta approvazione e non già in ordine all'approvazione del progetto definitivo.
  • Con riferimento alla previsione contenuta all'art. 11.12 dello schema di convenzione allegato alla lettera di invito si precisa che, fermo restando quanto previsto agli articoli 11.15 e 11.16 del medesimo schema di convenzione, i termini di aggiornamento del PFR e le modalità di calcolo delle variazioni tariffarie relative ai fattori "X" e " K" saranno determinate in base a quanto previsto dalla Delibera CIPE n. 27/2013.
  • Con riferimento alla previsione contenuta all'art. 11.bis dello schema di convenzione allegato alla lettera di invito si precisa che, in caso di stralcio dall'oggetto della concessione delle Opere Lotto 2 ai sensi dell'art. 11bis.4 del medesimo schema di convenzione, i costi della progettazione eventualmente sostenuti dal Concessionario non saranno considerati ammissibili ai fini regolatori, ai sensi della Delibera CIPE n. 39/2007 e s.m.i..
  • Con riferimento alla previsione contenuta all'art. 11.15 dello schema di convenzione allegato alla lettera di invito si precisa che, in tale fattispecie rientrano anche gli eventuali ulteriori finanziamenti (quindi successivi al secondo) contratti a scadenza di un finanziamento sottoscritto ai sensi del citato paragrafo b) e finalizzati al suo integrale rimborso.
    Si precisa, inoltre, che il valore di cui al punto (i) b) del medesimo art. 11.15 dovrà essere calcolato come "la differenza del costo del debito relativo al contratto di finanziamento sottoscritto e del costo del debito offerto in sede di gara".
  • Con riferimento alle previsioni contenute all'art. 15.4 e 18.6 dello schema di convenzione allegato alla lettera di invito si precisa che, in conformità a quanto previsto all'art. 18.1 del medesimo schema di convenzione, la componente "K" verrà comunicata dal Concessionario al Concedente entro il 15 ottobre di ciascun anno.
  • Con riferimento alla previsione contenuta all'art. 26.10 dello schema di convenzione allegato alla lettera di invito si precisa che la misura massima della penalità è riportata nell'Allegato N dello schema di convenzione medesimo.
  • Con riferimento alla previsione contenuta all'art. 27.4 dello schema di convenzione allegato alla lettera di invito si precisa che la stessa risulta coerente con quanto riportato all'art. 5 dello schema di convenzione medesimo.
  • Con riferimento alla previsione contenuta all'art. 28.1 lettera b) dello schema di convenzione allegato alla lettera di invito si precisa che la stessa si riferisce esclusivamente all'affidamento dei servizi di distribuzione carbolubrificanti e delle attività commerciali e ricreative nelle aree di servizio.
  • Con riferimento alla previsione contenuta all'art. 30 dello schema di convenzione allegato alla lettera di invito si precisa che nel caso di esecuzione di lavori tramite società collegate, la percentuale di ribasso da applicare dovrà essere quelle presentata dai concorrenti nell'Offerta Economica.
  • Con riferimento alla Determinazione del Beta Levered, riportato nella Tabella 1 dell'Allegato 4 alla lettera di invito (Prescrizioni per la compilazione del PFR e del PEF), si precisa che i concorrenti dovranno provvedere al relativo aggiornamento dei relativi parametri sulla base delle situazioni patrimoniali alla data del 30 settembre 2014 sia del Gruppo ATLANTIA e sia del Gruppo SIAS. Si conferma, inoltre, che il rapporto (D/E) da utilizzare per l'intera durata della concessione dovrà essere pari a 60/40.
  • Con riferimento alla Determinazione del WACC lordo, riportato nella Tabella 2 dell'Allegato 4 alla lettera di invito (Prescrizioni per la compilazione del PFR e del PEF), si precisa quanto segue:
    a) si conferma la correttezza della formula da utilizzare per il calcolo del tax rate riportata nella documentazione di gara, tenendo conto della normativa fiscale vigente alla data di presentazione delle offerte;
    b) si conferma che nel calcolo del tax rate, il costo del personale da utilizzare è dato dalla media prevista in tutto il periodo di concessione;
    c) si precisa che la previsione secondo cui "lo spread da utilizzare nel calcolo del costo del debito non deve essere inferiore al 2%" non è vincolante per il concorrente a condizione che venga adeguatamente supportato e giustificato da parte dei soggetti finanziatori. Inoltre tale spread, nel calcolo del kd da utilizzare nella determinazione del WACC potrà avere un valore superiore ai 200 bps rispetto al rendimento del risk free;
    d) tutti i parametri da utilizzare per la determinazione del WACC (BTP, Beta, Indebitamento, etc..) dovranno essere aggiornati sulla base dei dati disponibili al 30 settembre 2014.
  • Con riferimento alle modalità di calcolo dei fattori X e K, riportate nell'Allegato 4 alla lettera di invito (Prescrizioni per la compilazione del PFR e del PEF), si comunica che non dovrà essere considerato l'ultimo periodo riportato sia al paragrafo 4.2 punto XA e sia al paragrafo 4.3 punto KA.
  • Con riferimento alle modalità di calcolo del TFE, riportate al punto 3. di pagina 27 dell'Allegato 4 alla lettera di invito (Prescrizioni per la compilazione del PFR e del PEF), si comunica che si dovrà fare riferimento alla riga n. 2.33 del Conto Economico del PEF.
  • Con riferimento ai contenuti dell'Analisi Trasportistica relativi alla Direttiva Europea n. 1999/62/CE e s.m.i. si precisa quanto segue:
    a) la variazione dell'onere per l'infrastruttura in funzione della categoria di emissione EURO dovrà riguardare anche le categorie di veicoli leggeri;
    b) l'onere per l'infrastruttura non deve essere differenziato ai fini della riduzione della congestione ai sensi dell'art. 7-octies, comma 3 della medesima Direttiva;
    c) le modalità di calcolo del livello massimo dell'onere per l'infrastruttura dovranno seguire i criteri riportati nell'Allegato III della medesima Direttiva;
    d) per la variazione delle tariffe il concorrente potrà scegliere l'articolazione tariffaria più efficace a condizione che rispetti i limiti previsti dall'art. 7-octies, comma 1 della medesima Direttiva e sia coerente con la tariffa media ponderata riportata nel Piano Finanziario Regolatorio.
  • Con riferimento al Raccordo autostradale Ospitaletto-Montichiari, lotti 1 – 2, si allega copia dell’atto di citazione depositato presso il Tribunale di Cremona in data 16/04/2012, oltre che copia della Relazione Riservata del Direttore dei Lavori e della Commissione di Collaudo sulle riserve iscritte dall’Appaltatore (Allegati 123).
  • Con riferimento agli Interventi sulla viabilità ordinaria di adduzione alla A21 in Piacenza: adeguamenti di tratte funzionali della S.P. 6 di Carpaneto, si allegano i documenti “messi a disposizione” indicati nella “Relazione sulle attività in corso relative agli investimenti posti a base di gara”, ed in particolare:
     -         il conto finale dei lavori al 31.07.2012; (All.4)
     -         il certificato di collaudo dei lavori del 24.01.2013; (All.5)
     -         il certificato di collaudo per i rapporti tra Concedente e Concessionaria del 5.02.2013. (All.6)
  • Con riferimento alla Variante alla S.P. ex S.S. 45bis in corrispondenza degli abitati di Pontevico (BS) e Robecco D’Oglio (CR) - Lotto 3, si allega l’elaborato PE ES 02G 07 “Quadro Economico e stima generale” (All.7). Peraltro si specifica che tale QE è superato da quello presentato in sede di Documentazione a base d’offerta.
  • I costi delle opere cosiddette complementari sono indicati nel QE allegato alla risposta fornita in data 2.01.2015. Per ogni opera è espresso il valore dei lavori stimati e sul totale è stata calcolata una percentuale di Spese generali. Gli eventuali espropri sono stati valorizzati unitamente a quelli dell’asse principale.

    Relativamente all’accesso all’area CHIMOIL è stata formulata una stima di larga massima sulla base di un’ipotesi di progetto che dovrà essere valutata congiuntamente a Comune e Provincia, in funzione dell’eventuale sviluppo della Lottizzazione. Si allega elaborato progettuale (Allegato 8).
  • I dati di avanzamento delle singole opere, ove iniziate, sono chiaramente definiti dai Certificati di collaudo posti in visione e comunque l’ammontare delle opere già realizzate è stato detratto nei QE posti a base di gara.·         Con riferimento ai costi del personale, si allega la tabella dei dati di organico (Allegato 9).
  • Con riferimento allo stato delle pavimentazioni, si allegano:
    -          Capitolato Speciale di Appalto – Norme tecniche – pavimentazioni bituminose; (All.10)
    -          Indicatori di qualità 1999 - 2011; (All.11)
    -          Indicatori di qualità 2011 – 12 – 13 – 14; (All.12)
    -          Riepilogo generale manutenzioni 2006 – 2014. (All.13)
  • Con riferimento allo stato delle opere d’arte, si allegano:
    -       il rendiconto delle ispezioni visive effettuate nel 2014 (cadenza annuale) sui manufatti di scavalco dell’A21 (STP e SVP) asta principale (allegato 14);
    -       i verbali di verifica dello stato di conservazione delle opere d’arte (Allegati 15161718).
  • Con rifermento alle modalità di gestione della manutenzione ordinaria, si allegano:
    -       Organizzazione servizio sgombero neve; (Allegato 19)
    -       Ufficio viabilità – mansioni. (Allegato 20)
  • Con riferimento ai costi di manutenzione ordinaria annuali si precisa che i valori riportati nell’Allegato 8 “Manutenzione Ordinaria 2012-2013” sono da considerarsi, nell’ambito dell’Allegato E dello Schema di Convenzione Unica, come valori minimi annuali. Inoltre si allegano i consuntivi delle spese di manutenzione ordinaria organizzati secondo le voci di budget CENTROPADANE. (Allegato 21)
  • Con riferimento alla Variante alla S.P. ex S.S. 45bis in corrispondenza degli abitati di Pontevico (BS) e Robecco D’Oglio (CR) - Lotto 3, vengono allegati i dati messi a disposizione dalle Amministrazioni Provinciali competenti sotto forma di tabelle riassuntive. (Allegati 2223)
  • Con riferimento al sistema di pedaggiamento, si evidenzia che lo studio di fattibilità prevede un sistema tipo free-flow. I Portali esistenti sono posizionati tra due svincoli contigui ed i dispositivi previsti sono idonei al riconoscimento della targa dei veicoli, alla lettura degli OBU (SET/SIT/Telepass), alla classificazione volumetrica degli stessi.

Si forniscono le seguenti risposte e la documentazione  richiesta in relazione ai quesiti formulati in ordine  alla gara in oggetto in data 19 e 21 gennaio 2015.

Con l'occasione si conferma che resta ferma la scadenza delle ore 12:00 del giorno 5 febbraio 2015, fissata al paragrafo B. della lettera d'invito, quale termine per la presentazione delle offerte da parte dei concorrenti.

  • In merito alla tariffazione del raccordo Ospitaletto-Montichiari (tratto in esercizio) l'attuale gestione da parte della Società Autostrade Centro-Padane S.p.A., in nome e per conto di ANAS/MIT, verrà mantenuta fino al subentro del nuovo concessionario che verrà individuato all'esito della procedura concorsuale in argomento.
  • In merito al sistema di esazione da prevedere su tutte le tratte autostradali da assentire in concessione ed oggetto della presente procedura concorsuale si evidenzia che i concorrenti sono liberi di adottare le soluzioni più opportune fermo restando il rispetto della normativa nazionale e comunitaria vigente in materia.
  • Gli eventuali scostamenti derivanti dai minori introiti da pedaggio registrati a consuntivo rispetto alle previsioni contenute nel PEF saranno valutate e ritenute ammissibili ai fini regolatori in sede di aggiornamento quinquennale del PEF nei limiti ed alle condizioni previste dalle Delibere CIPE n. 39/2007 e n. 27/2013.
  • Con riferimento alla Direttiva 2011/76/UE, si ribadisce l'obbligo, da parte dei concorrenti, di prevedere la realizzazione degli impianti di esazione del pedaggio sia l'applicazione effettiva della modulazione tariffaria per classe di emissione. Tale modulazione dovrà applicarsi sia ai veicoli leggeri che ai veicoli pesanti.
  • In merito al sistema di esazione da prevedere su tutte le tratte autostradali in concessione ed oggetto della presente procedura di gara, si precisa che il futuro concessionario sarà obbligato, oltre che alla realizzazione, anche alla gestione del suddetto sistema di esazione. Quanto ai costi di realizzazione dei suddetti sistemi di esazione, si precisa che gli stessi dovranno essere inseriti nel Piano economico-finanziario da presentare in sede di gara da parte di ciascun concorrente anche all'interno della voce "manutenzioni straordinarie" poste a base di gara.
  • In merito al sistema di esazione, richiesto dalla normativa europea vigente dal 2008 e da prevedere su tutte le tratte autostradali in concessione, oggetto della presente procedura di gara, si precisa che lo stesso dovrà essere gestito con le opportune modifiche dell'accordo di interconnessione vigente con tutte le società concessionarie autostradali nazionali.
  • I progetti di adeguamento alla Direttiva 2001/76/UE dovranno essere applicati su tutte le tratte autostradali in concessione ed oggetto della presente procedura di gara.
  • Nel calcolo del DSCR si precisa che - qualora in alcuni anni, coesistendo più linee di debito, dovessero registrarsi sia rimborsi che erogazioni di debito - laddove le seconde fossero superiori ai primi - tali anni non dovranno essere presi in considerazione ai fini del calcolo del DSCR.
  • Con riferimento alla determinazione del WACC lordo, riportato nella Tabella 2 dell'Allegato 4 alla lettera di invito (Prescrizioni per la compilazione del PFR e del PEF), e fermo restando quanto previsto agli articoli 11.15 e 11.16 dello schema di convenzione posto a base di gara, e in merito al tasso di risk free, si precisa che:
    • la quantificazione del valore dell'ERP (equity risk premium) rientra nella discrezionalità di ciascun concorrente in quanto elemento di offerta;
    • nella determinazione del costo del debito Kd si potranno considerare, oltre allo spread, anche gli oneri accessori e le commissioni afferenti i finanziamenti (costo "all in") previa separata indicazione delle varie componenti;
    • il parametro relativo al tasso risk free dovrà essere aggiornato sulla base dei dati disponibili al 30 settembre 2014.
  • Con riferimento alla determinazione dei fattori X e K nella redazione del PFR e del PEF da presentare in sede di gara, i concorrenti, fermo restando quanto previsto agli articoli 11.15 e 11.16 dello schema di convenzione posto a base di gara, dovranno applicare le disposizioni della Delibera CIPE n. 27/2013.
  • Con riferimento a quanto previsto dall'art. 6 dello schema di convenzione allegato alla lettera di invito si precisa quanto segue:
    • l'impegno del fideiussore, di cui al comma 8 del medesimo articolo 75, a rilasciare la garanzia fideiussoria per l'esecuzione del contratto di cui all'art. 113 del citato Dlgs, deve essere riferito al 10% dell'importo dei lavori di cui alle opere Lotto n.1 e di manutenzione straordinaria come individuati rispettivamente agli artt. 2.1, lett. A), e 2.2 dello schema di convenzione allegato alla lettera di invito;
    • la garanzia provvisoria verrà svincolata, ai sensi del comma 6 del medesimo articolo 75 del Dlgs 163/2006, al momento della sottoscrizione del contratto di concessione.
  • Con riferimento a quanto previsto dall'art. 6 dello schema di convenzione allegato alla lettera di invito, si precisa quanto segue:
    • la cauzione definitiva, di cui al comma 2 del medesimo articolo 6, verrà svincolata con le modalità previste dal comma 3 dell'art. 113 del Dlgs 163/2006 e s.m.i.;
    • la garanzia fideiussoria, di cui al comma 3 del medesimo articolo 6, dovrà garantire il mancato adempimento delle obbligazioni relative alla gestione ed anche le penali comminate a fronte degli inadempimenti.
  • Con riferimento al quadro economico dell'intervento "Nuovo casello di Castelvetro, raccordo autostradale con la SS 10 "Padana inferiore" e completamento della bretella autostradale tra la SS 10 "Padana inferiore" e la SS 234", si precisa che le Opere riduzione rischio idraulico - nel quesito erroneamente indicate di importo pari a € 35.000 - nel quadro economico ammontano ad € 735.000, somma ritenuta plausibile rispetto alle richieste formulate dal Consorzio locale di bonifica.

Si tratta di opere idrauliche (rifacimento di ponticelli e tombini) per ovviare ai problemi di scolo del canale Morta. Non è stato predisposto un progetto in quanto non si è ancora definito con il Consorzio l'assetto progettuale delle opere, ma soltanto schemi e computi speditivi. L'importo è quindi da considerarsi cautelativo, in quanto deve essere valutata in modo approfondito, congiuntamente al Richiedente, l'accoglibilità delle richieste e le modalità realizzative delle opere.

Relativamente al Viadotto S.S. 234 e rilevati di accesso, si tratta del corpo principale e delle opere d'arte presenti p.d. dalle sez. 346 alla sez. 385. ( wbs: AS17 dalla sez. 346 alla sez. 355, AS18 e OA36).

Riguardo il Polo logistico, il relativo importo è destinato al cofinanziamento di un intervento proposto dalla Provincia di Cremona nell'area del Porto interno di Cremona, sulla base di un progetto preliminare che alla data odierna non ha avuto più seguito. Si tratterà di riprendere l'interlocuzione con l'Ente per verificare l'attualità del progetto.

Riguardo le Opere di compensazione, si tratta di opere di riforestazione da svilupparsi su un reliquato di proprietà del comune di Sesto in corrispondenza dello svincolo con la SP exSS236; ad oggi non esiste un progetto specifico delle opere in verde.

  • Con riguardo allo Studio di fattibilità per l'"Adeguamento degli impianti di esazione alla direttiva 2006/38/CE" - Relazione Generale codifica 0101.00.00.00.00.00.00.00.RG.01, si conferma che la soc. Centropadane completerà entro l'esercizio 2015 l'adeguamento dei sistemi di esazione ai requisiti minimi concordati in ambito di Convenzione di Interconnessione. Nello specifico si tratta di tutte le piste attrezzate TLP o promiscue di uscita, e tutte quelle di entrata per stazione, nonché una sezione in itinere.
  • Gli elaborati allegati allo Studio di Fattibilità per l'"Adeguamento degli impianti di esazione alla direttiva 2006/38/CE", riportano la dotazione definitiva ipotizzata per le finalità esattive del pedaggio, sui portali in itinere. Si fa riferimento al precedente quesito relativamente all'allestimento dei portali siti rispettivamente in corrispondenza della sezione di cui alla progressiva chilometrica 192+700 e 192+800 riportati dall'elaborato codifica 101.00.IS.00.TP.00.IS.00.PP.01 - Impianti di esazione Autostrada A21. Con riferimento all'elaborato relativo al Raccordo A4-A21, il portale a scavalco delle due carreggiate situato tra gli svincoli SP35 e SP21 si intende attrezzato per entrambe le direzioni. Il numero corretto dei siti risulta pertanto confermato in n. 28, come riportato dal Computo Metrico e Computo Metrico Estimativo.
  • Con riferimento ai contenuti dell'Analisi Trasportistica, di cui al paragrafo D.BIS della lettera di invito, si precisa che il questionario e le schede (allegato 6 della lettera di invito) dovranno essere presentate dai concorrenti in sede di offerta nella busta n. 3.
  • Con riferimento agli interventi di adeguamento degli impianti di esazione previsto nello studio di fattibilità posto a base di gara (Relazione Generale codifica 0101.00.00.00.00.00.00.00.RG.01) si precisa che gli stessi dovranno essere completati dal nuovo concessionario che verrà individuato all'esito della presente procedura di gara. Si precisa, inoltre, che in merito al sistema di esazione da prevedere su tutte le tratte autostradali da assentire in concessione ed oggetto della presente procedura concorsuale, i concorrenti sono liberi di adottare le soluzioni più opportune fermo restando il rispetto della normativa nazionale e comunitaria vigente in materia.
  • In merito ai nuovi interventi di manutenzione straordinaria, si conferma quanto già chiarito con nota del 2 gennaio 2015 n. 1, primo capoverso.
  • Nel caso in cui il concorrente intenda confermare tutti gli elaborati di gara (vedi paragrafo "D - Offerta tecnica", capoverso iii) l'elenco degli stessi può essere sostituito da apposita dichiarazione rilasciata ai sensi della normativa vigente.



 

Data del documento: 11/12/2014
Data ultima modifica: 23/01/2015
Crediti - Note legali - Privacy - Come fare per - Servizi di egovernment attivi - Servizi di egovernment di futura attivazione