sei in » home page»ministero»Dipartimento per le Infrastrutture, i Sistemi Informativi...»Direzione Generale per lo Sviluppo del Territorio, la Programmazione ed i Progetti Internazionali

Ministro Delrio
casa al centro del mondo
Ricerca avanzata
SERVIZI

Per segnalazioni inerenti il sito:
contatti sito
Disposizioni per favorire lo sviluppo della mobilità mediante veicoli a basse emissioni complessive - Consultazione pubblica
Piano nazionale infrastrutturale per la ricarica dei veicoli alimentati ad energia elettrica

Riferimento
PNire - Piano Nazionale Infrastrutture di Ricarica Elettrica


Periodo della consultazione
Durata della consultazione: 10/04/2013 - 10/05/2013

Obiettivo dell'iniziativa

Al fine di giungere ad un risultato quanto più condiviso con i principali stakeholder del settore, che permetta di fornire impulso allo sviluppo della mobilità elettrica e, al contempo, supportare enti locali, società di distribuzione dell'energia elettrica e imprese del settore attraverso specifici accordi di programma per lo sviluppo di progetti in determinati contesti territoriali, il Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti ha individuato un piano di attività così definito:

  1. Incontri bilaterali con i principali stakeholders della mobilità elettrica nel Paese e raccolta materiale informativo, oltre che acquisizione di informazioni, pareri e viste tecnico/tecnologiche;
  2. Definizione di un indice e di una struttura di massima del Piano;
  3. Redazione delle linee guida;
  4. Attivazione di una consultazione pubblica delle Linee Guida;
  5. Acquisizione di osservazioni e pareri;
  6. Redazione del documento finale del Piano.

Nello specifico gli incontri effettuati si sono concentrati sui principali soggetti ad oggi interessati dalla tematica della mobilità elettrica e che sono coinvolti, a vario titolo, in progetti pilota sul territorio nazionale.
I soggetti interessati nella prima fase di consultazioni sono stati:

  1. ENEL S.p.A.
  2. A2A S.p.A.
  3. Federazione Anie (Federazione Nazionale Imprese Elettrotecniche ed Elettroniche)
  4. AEEG (Autorità per l'Energia Elettrica ed il Gas)
  5. CEI-Cives (Commissione Italiana Veicoli Elettrici Stradali a Batteria, Ibridi e a Celle a combustione - sezione italiana dell'AVERE, European Association for Battery, Hybrid and Fuel cell Electric Vehicles promossa dalla CEE nel 1978) nell'ambito del CEI - Comitato Elettrotecnico Italiano
  6. ENEA (Agenzia nazionale per le nuove tecnologie, l'energia e lo sviluppo economico sostenibile)
    E' fondamentale sottolineare che tali consultazioni non si sono ritenute esaurienti, ma hanno rappresentato un punto di partenza.
    Per questo motivo il Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti intende esplorare con il pubblico e tutte le parti interessate sul modo migliore di contribuire con una azione mirata a favorire l'uso di mezzi alimentati ad energia elettrica, in particolare nella realizzazione di una infrastrutturazione di base in grado di garantire livelli minimi uniformi di accessibilità del servizio di ricarica dei veicoli alimentati ad energia elettrica.

Nella consultazione viene chiesto di esprimere la vostra opinione sulle caratteristiche rilevanti individuate dalle strutture del Ministero, ed in particolar modo sulle seguenti categorie di argomenti:

  • I criteri adottati per la localizzazione delle infrastrutture di ricarica
  • I filoni per lo sviluppo di una rete di ricarica nazionale
  • Numero minimo di infrastrutture di ricarica
  • Modelli di riferimento
  •  Le componenti del processo di ricarica: Modi, Prese e Spine
  • Accesso alle infrastrutture di ricarica
  • Integrazione nei Piani della Mobilità e della Logistica
  • Sostegno allo sviluppo del programma operativo
  • Aspetti trasversali (considerazione generali)

Per uniformità il contributo dovrà essere redatto utilizzando esclusivamente il format scaricabile qui.

Possono essere inoltre trasmessi contributi aggiuntivi (ad esempio attraverso position paper o relazioni tecniche)


Come sottomettere il proprio contributo
E' fortemente raccomandata la trasmissione del proprio contributo utilizzando l'indirizzo email dedicato pnire@mit.gov.it.
In alternativa è possibile inviare il proprio contributo al seguente indirizzo:

Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti
Dipartimento per le Infrastrutture, gli Affari Generali ed il Personale
Direzione Generale per lo Sviluppo del territorio, la programmazione ed progetti internazionali
Via Nomentana, 2
00161 - Roma

In entrambi i casi dovrà essere indicato come oggetto:

  • Consultazione pubblica PNIRE: Contributo "Nome dell'Ente/Società/Soggetto"


E' possibile accedere al documento di Consultazione al seguente link:
Piano nazionale infrastrutturale per la ricarica dei veicoli alimentati ad energia elettrica

Esiti della Consultazione
La Consultazione, chiusa lo scorso 10 maggio 2013, ha permesso di acquisire una serie rilevante di pareri, suggerimenti, valutazione tecnico/economiche da parte dei soggetti coinvolti a vario titolo nella tematica della mobilità elettrica sul territorio nazionale.
I pareri sono pervenuti sia attraverso il form appositamente predisposto (Format di sottomissione dei contributi), sia attraverso Position Paper di alcune aziende rilevanti del settore.
Al fine di sistematizzare i contributi pervenuti ed effettuare una analisi precisa e attenta, le singole valutazioni sono state raggruppate per categorie di argomenti.
Per ciascun argomento sono emerse indicazioni interessanti che, raggruppate per argomento, sono riportate nel documento allegato. In particolare, all'interno del breve report sono riportati i suggerimenti che si intende aggiornare e/o integrare all'interno del testo oggetto di consultazione.
Tra i contributi pervenuti sono stati avanzati anche dei quesiti che, in parte, sono evasi dai contenuti del report; altri quesiti, soprattutto legati ai finanziamenti, verranno chiariti, a breve, direttamente sul sito web. 

Report sui risultati della Consultazione

Data del documento: 10/04/2013
Data ultima modifica: 24/07/2013
Crediti - Note legali - Privacy - Come fare per - Servizi di egovernment attivi - Servizi di egovernment di futura attivazione