Programma Porti e Stazioni

Con l'articolo 5 del Decreto Ministeriali n. 2522 del 27 dicembre 2001, è stato previsto il finanziamento di un “programma innovativo in ambito urbano concernente le zone adiacenti alle stazioni ferroviarie delle grandi città e quelle limitrofe alle maggiori aree portuali, nelle quali, in particolare, fossero presenti condizioni di degrado urbano e sociale e vi fosse la necessità di riqualificare insediamenti di edilizia residenziale”.

Il programma ha inteso favorire una sperimentazione su larga scala di modelli, di procedure di strumenti necessari ai fini dell’organizzazione dei processi di produzione del cambiamento in ambito urbano, partendo dal presupposto che stazioni ferroviarie e porti si affermassero come nuove centralità urbane e territoriali in grado di innescare processi di integrazione tra le opere infrastrutturali di connessione tra il porto e le reti di comunicazioni terrestri e attrezzature di tipo commerciale, direzionale, di servizio.

Il principale obiettivo del Programma è stato quello di assicurare maggiore efficienza al sistema di accessibilità e mobilità in vista dell’ottimizzazione delle connessioni e dei rapporti tra le aree aeroportuali, le infrastrutture urbane (in particolar modo quelle ferroviarie), le aree retroportuali e i territori circostanti.

Sono stati sottoscritti i Protocolli d’Intesa relativi a 22 programmi.

Progettazione, realizzazione, assistenza tecnica ai Comuni selezionati: Savona, Genova, La Spezia, Livorno, Carrara, Piombino, Civitavecchia, Napoli, Salerno, Cagliari, Olbia, Palermo, Catania, Messina, Trapani, Taranto, Bari, Brindisi, Ancona, Ravenna, Venezia, Trieste.

  •  Atti e riflessioni dai seminari tecnici del 25-26 Gennaio 2007

Obiettivo centrale di S.I.S.Te.M.A. e Porti e Stazioni è stato quello di promuovere idee programma ed azioni innovative in aree campione.

Il 25 e 26 gennaio 2007 si sono svolti a Roma i seminari divulgativi che, attraverso l'informazione diretta sulle azioni promosse e sui risultati raggiunti nei singoli Programmi, hanno costituito l'occasione sia per trasferire conoscenze e per avviare un confronto diretto su temi e problematiche reali e sia per "validare" metodologie vincenti applicate da alcune Amministrazioni, fornendo utili spunti operativi a chi era in ritardo.

In allegato a fondo pagina è disponibile la pubblicazione "Atti e riflessioni dai seminari tecnici del 25-26 Gennaio 2007"

Data di ultima modifica: 09/02/2016
Data di pubblicazione: 09/02/2016