Nuova sede per la scuola dei Marescialli e dei Brigadieri dei Carabinieri - Firenze Castello

SINTESI DEGLI ELEMENTI CARATTERIZZANTI L'OPERA NEL SUO COMPLESSO

L’intervento riguarda la realizzazione della Nuova Scuola Marescialli e Brigadieri dei Carabinieri, di Firenze Castello,consentirà l'unificazione delle attuali strutture didattiche sparse nel territorio nazionale, con una capacità per circa 2000 allievi, 200 corsisti e 500 unità del quadro permanente con il relativo personale civile docente e di servizio.

L’intervento è stato suddiviso in due lotti prevedendo la realizzazione delle residenze ( Lotto B ) con separato appalto dalla Scuola (Lotto A ).

ACCORDO DI PROGRAMMA, ( 28/05/1999 ) con annesso Accordo di Pianificazione, sottoscritto tra Regione Toscana, Provincia di Firenze, Comune di Firenze, Ministero dei Lavori Pubblici e Comando Generale dell'Arma dei Carabinieri, nel contesto di un più ampio programma di ristrutturazione e infrastrutturazione della Piana di Castello come caposaldo del territorio metropolitano.

DESCRIZIONE DELL’OPERA

La costruzione della Scuola Marescialli e Brigadieri ricade all'interno del Piano Urbanistico Esecutivo della Piana di Castello che costituisce elemento urbanistico coordinato degli interventi nell'area. Tra gli obiettivi prioritari per la progettazione delle unità d'intervento, così come descritti all'interno del Piano e che trovano rispondenza nel progetto in questione, sono le condizioni di salubrità e benessere da attuare sia valorizzando la fruibilità pedonale degli spazi aperti, sia privilegiando l'uso dei sistemi tecnologici a basso consumo energetico ed a basso inquinamento.

Il progetto si è sviluppato cercando di conferire un alto grado di integrazione con la maglia urbana proposta dal "Piano Urbanistico", per quanto riguarda la parte residenziale a servizio della Scuola destinata alle famiglie del personale dell'Arma e nel, contempo, di trasformare la parte didattica, residenziale e sportiva in una sorta di giardino abitato, intimamente connessa col concetto di Parco ordinante nei confronti del più vasto verde metropolitano prefigurato dall'Accordo di Programma, tenendo presente nel contempo le inderogabili esigenze logistico/funzionali rappresentate nel quadro esigenziale fornito dall'Arma dei Carabinieri.

Onde attuare questo obiettivo sono state adottate specifiche di progetto valide per tutto l'intervento:

  1. rispetto delle altezze massime previste nelle singole Unità d'Intervento;
  2. applicazione generalizzata delle tecnologie di tetto giardino sulle coperture;
  3. scissione programmatica delle superfici pedonali da quelle previste a livello seminterrato per la carrabilità;
  4. applicazione delle tecnologie di risparmio energetico, sia attivo che passivo mediante utilizzo di riscaldamento e raffrescamento passivi;
  5. creazione di zone di comfort all'aperto che consentano un funzionamento della struttura a prescindere dalle condizioni climatiche esterne, attraverso un vasto utilizzo di zone porticate;
  6. massima integrazione, prevista anch'essa negli strumenti urbanistici, tra il complesso sportivo presente all'interno della Scuola e la configurazione del Parco prevista dal Piano;

La distribuzione dei percorsi sia esterni che interni all'area permettono l'eventuale fruibilità anche da parte dell'utenza cittadina, pur ponendosi come elementi a basso impatto ambientale all'interno del Parco. Questa struttura si potrà porre come un vero e proprio "Foro Italico" fiorentino sia a servizio dell'attività didattica, agonistica e di rappresentanza dell'Arma che come importante infrastruttura vivificante il Parco stesso.

L'intervento si sviluppa programmaticamente intorno a quattro Poli Funzionali:

LOTTO A

  • Polo 1 - Sportivo
  • Polo 2 - Alloggi allievi
  • Polo 3 - Logistico: Sala Polifunzionale, Aule Didattiche, Mensa e cucina, Circoli, Infermeria, Uffici Comando Quadri: Alloggiamento Quadri, Poligono di tiro, Piastre tecnologiche

LOTTO B

  • Polo 4 - Residenze di Servizio.

La connessione tra i Poli Funzionali è affidata ad una galleria pedonale protetta ed è intorno a questo asse di connessione che si sviluppa l'articolato sistema delle residenza per gli allievi sul lato Sud e quelle per i quadri sul lato Nord. Al centro dell'area è situata la Piazza d'Anni attorno alla quale si sviluppano tutte le attività collettive: didattica, ristorazione e ricreazione; vi sono inoltre gli uffici amministrativi e di comando.

Lateralmente alla Piazza d'Armi vi è lo spazio coperto della Sala Polivalente, situata al primo piano.

OPERA REALIZZATA

Il 26 ottobre 2015 sono stati ultimati i lavori relativi al Lotto A - SCUOLA ed in data 11 aprile 2016 si è proceduto alla consegna dell’intero complesso al Comando Generale dell’Arma dei Carabinieri. Già da tale data il Comando Scuola ha iniziato le attività di allestimento in previsione dell’inizio dei corsi accademici per il settembre 2016.

Gli alloggi relativi al LOTTO B - Residenze - sono stati ultimati in data 10 gennaio 2012 e consegnati al Comando Generale dell’Arma CC in data 21 novembre 2014.

E’ stata altresì realizzata la viabilità esterna di accesso prevista dal PUE di Castello, che è stata definitivamente consegnata al Comune di Firenze in data 4 agosto 2016 completa di illuminazione pubblica e di segnaletica stradale.

Il complesso realizzato consente di ospitare dal prossimo anno 1300 Allievi, per arrivare ad ospitarne a regime 2200, oltre a  119 famiglie nelle Residenze del Lotto B. 

Costo complessivo della struttura realizzata.

LOTTO A - SCUOLA    
   - Lavori € 189.152.538  
   - Somme a disposizione dell' Amm.ne €   27.336.116  
Totale      €  216.488.704 
LOTTO B - RESIDENZE    
   - Lavori €  28.059.693  
   - Somme a disposizione dell' Amm.ne €    5.797.236  
Totale     €    33.856.929
Totale complessivo     €  250.345.633

 

L’apertura della Scuola Marescialli e Brigadieri di Firenze Castello consente di riunire in un’unica sede il corso formativo triennale dei Marescialli con attribuzione della loro preparazione accademica all’Università degli studi di Firenze; contestualmente consente di restituire l’antico complesso monastico di S. M. Novella, sede della Scuola da 96 anni, al Comune di Firenze.

COMPLETAMENTI

La struttura verrà completata con le opere accessorie ancora non realizzate. Di queste, una parte è già finanziata dal Ministero delle Infrastrutture - poligono di tiro e le due palazzine alloggi quadri lato nord - e sono in corso rispettivamente l’affidamento dei  lavori e la progettazione; le restanti strutture -  sala polivalente e  impianti sportivi  - sarà possibile realizzarle con successivi finanziamenti. In particolare gli impianti sportivi potranno essere completati solo quando sarà possibile dismettere l’attuale provvisorio bacino di laminazione presente nell’area dello stadio, opera connessa con le previste urbanizzazioni dell’area esterna al complesso della Scuola e di competenza del Comune di Firenze.

In data 24 settembre 2016 si è svolta l’inaugurazione e da tale data sono iniziati i corsi. Nell' occasione la Scuola è stata intitolata al Maresciallo Felice Maritano caduto in un conflitto a fuoco con rappresentanti delle Brigate Rosse nel 1974.

 

Data di ultima modifica: 18/10/2016
Data di pubblicazione: 05/10/2016