Pubblicato l’aggiornamento dell’Anagrafe delle opere Incompiute di interesse nazionale

Sono 838 le opere incompiute al 31 dicembre 2015, 30 in meno del precedente rilevamento
Opere incompiute

1 luglio 2016 - E’ on line da oggi l’aggiornamento dell’Anagrafe delle Opere pubbliche Incompiute di interesse nazionale.

L’elenco è stato compilato sull’apposito sistema entro il 30 giugno 2016 dalle Regioni, dalle Provincie autonome e dal Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti e si riferisce alle opere incompiute al 31 dicembre 2015.

Gli elenchi (in pdf o sulle pagine web) sono stati caricati dalle amministrazioni titolari dei procedimenti sull’apposito sito tramite il SIMOI - Sistema informatico di monitoraggio  delle opere incompiute - e sono pubblicati alla pagina del Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti https://www.serviziocontrattipubblici.it/simoi.html

Dall’analisi dei dati pubblicati, si evidenzia che il numero complessivo delle opere incompiute 2016 (anno di rilevazione 2015) è 838, a fronte delle 868 dell’anno precedente, con una riduzione di 30 opere incompiute;

Di seguito, l’elenco delle opere incompiute per amministrazione regionale, Provincie autonome e Mit.

VARIAZIONI OPERE INCOMPIUTE 2015/2016

 

Regione Incompiute 2015
(al 31/12/2014)
Incompiute 2016
(al 31/12/2015)
variazione
Abruzzo 40 41 +1
Basilicata 34 36 +2
Calabria 93 57 -36
Campania 12 90 +78
Emilia Romagna 27 26 -1
Friuli 12 8 -4
Lazio 54 53 -1
Liguria 11 8 -3
Lombardia 35 30 -5
Marche 17 16 -1
Molise 18 16 -1
Piemonte 23 27 +4
Puglia 81 91 +10
Sardegna 67 80 +13
Sicilia 215 113 -102
Toscana 35 34 -1
Umbria 11 14 +3
Valle d'Aosta 1 4 +3
Veneto 34 34 0
PA Bolzano 8 2 -6
PA Trento 0 4 +4
MIT 40 54 +14
Totale 868 838 -30

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Un’opera pubblica viene definita incompiuta quando risulti non completata a causa di mancanza di fondi, per cause tecniche, per sopravvenute nuove norme tecniche o disposizioni di legge, fallimento, liquidazione coatta  e concordato preventivo dell'impresa appaltatrice, risoluzione del contratto ai  sensi  degli articoli 135 e 136 del decreto legislativo 12 aprile 2006, n. 163,  o di recesso dal contratto  ai  sensi  delle  vigenti  disposizioni  in materia di antimafia e  mancato interesse al completamento  da  parte  della  stazione appaltante, dell'ente aggiudicatore o di altro soggetto aggiudicatore, di cui  all'articolo  3  del  decreto  legislativo  12 aprile 2006 n. 163.

Data di ultima modifica: 01/07/2016
Data di pubblicazione: 01/07/2016