Spiagge, liberati 620mila mq di litorale e acqua

Toninelli: “Guardia Costiera restituisce ai cittadini l’equivalente di più di 100 campi da calcio”
spiagge libere

19 settembre 2018 - La stagione è quasi al termine ed è tempo di tracciare il bilancio dell’operazione “Spiagge Libere – Acque libere 2018”, svoltasi dal 10 luglio al 10 settembre. Nel corso dei due mesi la Guardia Costiera ha vigilato lungo tutte le coste italiane al fine di garantire la sicurezza dei litorali e liberare le spiagge dall’abusivismo, consentendo di restituire all’utilizzo pubblico ben 620mila metri quadrati di litorale e di acqua, vale a dire l’equivalente di più di 100 campi da calcio.

Sono stati 31mila controlli effettuati dalle Capitanerie di Porto della Guardia Costiera, che hanno permesso di scoprire 1.500 illeciti, sanzionando i “furbetti” con 635mila euro di multe, e sequestrando 20mila attrezzature con oltre 400 sequestri.

Con l’operazione “Traghetti sicuri” si è invece accertato che il 100% della flotta ha navigato con regolarità e senza nessun incidente.

“L’estate è quasi finita, ma non finisce l’impegno del Governo per la legalità. Sono molto fiero di annunciarvi i successi della campagna “spiagge libere-acque libere”, da me fortemente voluta, che le donne e gli uomini della Guardia Costiera hanno raggiunto quest’anno. Dal 10 luglio al 10 settembre sono stati “liberati” e restituiti ai cittadini 620mila metri quadrati di litorale e di acqua, l’equivalente di più di 100 campi da calcio. Spiagge in mano agli abusivi che sono tornate ad essere patrimonio di tutti. Come è giusto che sia” così commenta il Ministro delle Infrastrutture e dei Trasporti Danilo Toninelli plaudendo all’operazione.

“Le spiagge sono di tutti. Il mare è di tutti. E ciascuno ha diritto a fruirne liberamente, nel rispetto delle regole e anche delle prerogative dei concessionari che generano ricchezza grazie al demanio marittimo” ha concluso il ministro.

Data di ultima modifica: 19/09/2018
Data di pubblicazione: 19/09/2018