Casa, Mit sblocca 350 milioni per l’housing sociale e zone terremotate

Recepiti al Cipe alcuni correttivi ai due programmi che li fanno diventare ufficialmente operativi
erp

26 luglio 2019 – ll Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti ha, durante l’ultima riunione del Cipe, provveduto a far sbloccare, tra le altre cose, 350 milioni di euro per l’housing sociale.

Sono stati, infatti, recepiti dal Comitato interministeriale per la programmazione economica gli aggiustamenti tecnici richiesti dalle Regioni sul Programma di edilizia residenziale nei territori colpiti da sisma, a cui sono destinati 100 milioni di euro, e sul Programma integrato di edilizia residenziale sociale a cui sono destinati, e già ripartiti, 250 milioni di euro. Un ultimo passaggio formale che rende i due piani pienamente attuabili.

In particolare, è stata ricompresa anche la Campania, in aggiunta a Marche, Umbria, Abruzzo e Lazio, tra i beneficiari del finanziamento di 100 milioni per gli interventi di edilizia residenziale sociale nei territori danneggiati dagli eventi sismici, per ricomprendere anche il territorio di Ischia. Ora, per il riparto delle risorse, si è in attesa di ricevere dalle Regioni interessate i dati sui singoli fabbisogni relativi al patrimonio Erp danneggiato dagli eventi sismici.

Per quanto riguarda invece il programma integrato di edilizia residenziale sociale, il cui riparto dei 250 milioni di euro è stato approvato con dm del Mit del 4 luglio scorso, il Cipe ha recepito le raccomandazioni espresse dalle Regioni in Conferenza unificata così da consentire la presentazione delle proposte da ammettere a finanziamento anche agli ex Iacp competenti per territorio;  permettere la possibilità di finanziare nelle regioni assegnatarie di importi superiori a 10 milioni  più di due proposte di intervento; sottoporre ad intesa della Conferenza unificata il decreto interministeriale di approvazione  dell’elenco dei comuni ammessi a finanziamento.

Data di ultima modifica: 30/07/2019
Data di pubblicazione: 26/07/2019