Firmato oggi a Venezia il Nuovo contratto di servizio tra Regione Veneto e Trenitalia.

Delrio: "Il nuovo contratto rende più semplice la vita dei pendolari"
firma contratto trenitalia veneto

11 gennaio 2018 - Quest’oggi, nella sede della Regione Veneto a Venezia, alla presenza del Ministro delle Infrastrutture e dei Trasporti, Graziano Delrio, del Presidente della Regione del Veneto, Luca Zaia e l’AD del Gruppo FS Italiane, Renato Mazzoncini, l’Assessore regionale ai lavori pubblici, infrastrutture e trasporti, Elisa De Berti, e l’AD di Trenitalia, Orazio Iacono, hanno sottoscritto il Nuovo contratto di servizio tra Regione Veneto e Trenitalia.

Il Contratto di Servizio definisce le caratteristiche principali dell’offerta ferroviaria regionale e punta a incrementare la qualità dei servizi destinati ai pendolari ed ha validità fino al dicembre 2032.

“Il nuovo contratto di servizio siglato oggi – ha dichiarato il Ministro Graziano Delrio - è molto importante perché mira a rendere più semplice la vita dei pendolari con treni più dignitosi e con maggiore puntualità e comfort. E' il frutto di una collaborazione molto stretta tra lo Stato e la Regione Veneto – ha proseguito il Ministro - e consentirà, con oltre un miliardo di investimenti, non solo di produrre treni nuovi, e quindi di cambiare tutta la flotta del Veneto e farla diventare la più giovane d'Europa in pochi anni, ma soprattutto di produrre nuovo lavoro e di consentire alle fabbriche italiane che producono i treni di avere nuovo lavoro”.

Del valore di oltre 4,5 miliardi di euro - comprensivo di corrispettivi e ricavi da mercato - definisce anche un investimento in autofinanziamento di più di un miliardo di euro, di cui 619 milioni per l’acquisto di 78 nuovi treni Rock e Pop, 250 per manutenzione ciclica, 59 per rinnovo di treni già in circolazione, 60 per impianti di manutenzione, 18,4 per tecnologie e informatica.

La progressiva entrata in esercizio di nuovi treni contribuirà alla riduzione dell’età media della flotta regionale. Già nel 2021 sarà ridotta da 16,3 a 6,2 anni. Nel 2026 l’intera flotta veneta sarà stata completamente rinnovata.

“Anche questo Contratto è parte della “cura del ferro”, che riguarda le città, il trasporto regionale e i pendolari” ha concluso il Ministro Delrio. “Vogliamo promuovere sempre di più il trasporto quotidiano, e il ferro è la scelta giusta per muoversi in Italia, per una mobilità più sostenibile, per una maggiore qualità dell'aria e anche più puntualità e serenità per tutti”.

 

Data di ultima modifica: 11/01/2018
Data di pubblicazione: 11/01/2018