Coronavirus: Mit, evitare spostamenti per turismo nelle zone indicate Dpcm 8/3/20

I turisti italiani e stranieri che si trovano all'interno devono limitare gli spostamenti allo stretto necessario
coronavirus accorgimenti min salute

8 marzo 2020 - Nelle zone elencate nell'articolo 1 del Dpcm dell’8 marzo 2020 (tutta la regione Lombardia, Modena, Parma, Piacenza, Reggio Emilia, Rimini, Pesaro e Urbino, Venezia, Padova, Treviso, Asti, Alessandria, Verbano Cusio Ossola, Novara e Vercelli) tutti gli spostamenti per motivi di turismo sono da evitare. Vanno quindi evitati l'entrata in quei territori, l'uscita dagli stessi e gli spostamenti al loro interno. I turisti italiani e stranieri che già si trovano lì devono limitare gli spostamenti allo stretto necessario, in particolare per rientrare nei propri luoghi di residenza, abitazione o domicilio. Poichè gli aeroporti e le stazioni ferroviarie nelle zone elencate nell’articolo 1 rimangono aperti, i turisti potranno recarvisi per prendere l'aereo o il treno e fare rientro nelle proprie case.

Si raccomanda di verificare lo stato dei voli e dei mezzi di trasporto pubblico sui siti delle compagnie di trasporto terrestre, marittimo e aereo.

Nel resto del territorio nazionale, i turisti sono tenuti a osservare le cautele indicate dalle autorità sanitarie e le raccomandazioni e le limitazioni valide per la generalità della popolazione.

Data di ultima modifica: 08/03/2020
Data di pubblicazione: 08/03/2020